Veduta di villaggio

Bazille, Veduta di villaggio.jpg
Autore: 
Bazille, Jean Frédéric (1841-1870)
Titolo: 
Veduta di villaggio
Altri titoli: 
Vue de village
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
1868
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
137,5 x 85,5 (supporto)
157 x 107 x 4,5 (con cornice)
Annotazioni: 
Firma e data in basso al centro: F. Bazille 1868
Luogo di conservazione: 
Musée Fabre, Montpellier, France
Acquisizione: 
Dono di Madame Gaston Bazille alla città di Montpellier, 1898
Identificativo: 
898.5.1

Commento:
Berthe Morisot in una lettera a sua sorella Edma Pontillon, datata 1° maggio 1869, circa la Vue de village che aveva visto al Salon, scriveva: "Il grande Bazille ha fatto qualcosa che trovo molto forte: c'è una ragazza con un vestito molto chiaro, all'ombra di un albero dietro il quale si scorge un villaggio. C'è molta luce, del sole. Egli cerca ciò che noi abbiamo così spesso cercato, mettere una figura all'aria aperta; questa volta, a me sembra esserci riuscito ... ". Nella Vue de village, Bazille riprende, invertito, il primitivo disegno preparatorio de La robe, dipinto quattro anni prima per il quale aveva fatto posare sua cugina Teresa. Il modello dovrebbe essere, qui, la figlia di un dipendente della famiglia Bazille. La ragazza, seria e un po' rigida nel suo abbigliamento della festa, posa vestita con un abito bianco stretto in vita con una larga cintura rosa. È seduta ai piedi di un albero, controluce, con dei fiori in mano. La scena è ambientata nel bosco di Bel-Air, ai margini della proprietà di Méric, là dove un declivio del terreno consente di scorgere in fondo il villaggio di Castelnau inondato dal sole.
Il dipinto fu inviato al Salon del 1869, insieme a Le pêcheur à l'épervier. Il pittore Alfred Stevens, che aveva ammirato la Vue de village nello studio dell'artista, scrisse a Bazille per annunciargli che il quadro ero stato accettato dalla giuria: "Mio caro Bazille, il vostro quadro la donna è stato accettato, sono lieto di annunciarvi questa buona notizia. Voi siete stato difeso (tra di noi) da Bonnat, e, indovinate l'altro? da Cabanel", cosa che non mancò di stupire il giovane pittore: "La giuria ha fatto un grande carneficina tra le tele di quattro o cinque giovani pittori con i quali ci intendiamo bene. Io ho una sola tela accettata: la donna. A parte Manet che non si osa più rifiutare, io sono tra i meno maltrattati. Monet totalmente rifiutato (...) Io sono stato difeso, con mio grande stupore, da Cabanel."

Mostre:

  • 1910, Parigi, Salon d'automne, Exposition rétrospective Bazille, dal 15 ottobre 1910 al 15 novembre 1910, n. 14.
  • 1974, Grand Palais, Paris / California International Art Foundation, Paris-New York - 1974, n. 1.
  • 1992-1993, Montpellier, Musée Fabre, Frédéric Bazille et ses amis impressionnistes, dal 10 luglio 1992 al 25 aprile 1993, n. 20, pp. 111-112, ill. col.
  • 1994-1995, Galeries Nationales dal Grand Palais, Paris / The Metropolitan Museum of Art, New York, L'Impressionisme, les origines 1859-1869, dal 29 marzo 1994 all'8 gennaio 1995
  • 1999, Atlanta, High Museum of Art, Claude Monet and Frédéric Bazille. A collaboration, dal 20 febbraio 1999 al 16 maggio 1999, n. 20, pp. 86-89.
  • 2006, Lausanne, Fondation de l'Hermitage, Chefs d'oeuvre du musée Fabre de Montpellier, dal 27 gennaio 2006 al 5 giugno 2006, n. 88, p. 227, ill. p. 163.

Bibliografia:

  • Gillet, Louis (1876-1943), Le musée de Montpellier, Firmin-Didot, 1935, n. 641.
  • Daulte, François: Frédéric Bazille et son temps, Pierre Cailler, Genève, 1952, n. 36.
  • Champa K.S., Studies in Early Impressionism, New Haven, Londres, Yale University Press, 1973, pp. 88-89, fig. 125.
  • Bajou Th. e V.: Chefs-d'oeuvre de la peinture - de Jean Cousin à Degas, Musée Fabre, Montpellier, Musée Fabre, 1988, pp. 184-185, ill. a colori.
  • Pitman D., The art of Frédéric Bazille : 1841-1870, Ph. D. The Johns Hopkins University, 1989, pp. 66-76.
  • Goldin, Marco: L'età di Courbet e Monet - La diffusione del realismo e dell'impressionismo nell'Europa centrale e orientale, Linea d'Ombra Libri, 2009, cat. 7, p. 253, ill. a colori p. 166.
  • Grimaud, Renée: 50 ans d'expositions au Grand Palais, Galeries nationales, Réunion des musées nationaux, 2010, ill. p. 50.
  • Alexandre Cabanel et la grande peinture au XIXe siècle, Catalogo della mostra al Musée Fabre di Montpellier, Editions Faton, 2010, ill. p. 8.
  • Amic, Sylvain ed altri: Alexandre Cabanel, 1823-1889 - La tradition du beau, Somogy, 2010, Catalogo della mostra tenuta a Montpellier, Musée Fabre, dal 10 luglio 2010 - 5 dicembre 2010, Dominique Lobstein, p. 65, ill. fig. 8, p. 64.
  • Da Corot a Monet - La sinfonia della natura [Catalogo mostra, Roma, Complesso monumentale del Vittoriano, 6 marzo - 29 giugno 2010], Skira - 2010, ill. cat. 63 p. 211.
  • Descossy, Camille: Sur 20 tableaux du musée Fabre. Petit essai critique, Causse, Graille et Castelnau, 1938, n. 361, p. 95.
  • Léonard, Sylvie, Il était une fois... - L'art en révolutions - 1789-1889, ill. p. 90.
  • Pons, René: Une Cythère infinie, Méridianes, p. 64, ill. p. 56.
  • Òc-ben ! - deuxième année d'occitan - edizioni CNDP, ill. p. 14.
  • Descossy, Camille: Regards sur le Musée Fabre, edizioni Méridianes, p. 47, 59-62, ill. p. 46.

(fonte: Musée Fabre, Montpellier)