Vecchia donna

Gustav Klimt, Vecchia donna | Alte Frau
Autore: 
Klimt, Gustav (1862-1918)
Titolo: 
Vecchia donna
Altri titoli: 
Alte Frau
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1909)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
95,3 x 47
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: GVSTAV / KLIMT
Luogo di conservazione: 
Collezione privata
Acquisizione: 
Acquisto, 7 febbraio 2007

Provenienza:

  • Frank Lloyd Wright.
  • Piccadilly Gallery, London, by 1974.
  • Félix Landau, Paris.
  • Art Foundation of Doctor Gustav Rau, acquisto, 1983.
  • Vendita, Christie's, London, asta 7355 - Impressionist and Modern Art Day Sale, 7 febbraio 2007, lotto 270, venduto per £378,400.

Mostre:

  • Kunstschau Wien, Estate 1909, n. 7 (illustrato).
  • IX Esposizione Internazionale di Venezia, 1910, n. 15.
  • Gustav Klimt, Kunsthaus Zürich, 1992.
  • De Fra Angelico à Bonnard, Chefs-d'oeuvre de la Collection Rau, Paris, Musée du Luxembourg, Luglio 2000 - Gennaio 2001, n. 85.
  • La collezione Rau, Da Beato Angelico a Renoir a Morandi, Sei secoli di grande pittura europea, Bergamo, Accademia Carrara, Gennaio - Maggio 2002, n. 85.

Bibliografia:

  • Zeitschrift für Bildende Kunst, XX, 1909, n. 222.
  • I. Hatle, Gustav Klimt, ein Wiener Maler des Jugendstils, Graz, 1955.
  • Fritz Novotny e Johannes Dobai, Friedrich Welz (curatore): Gustav Klimt, Verlag Galerie Welz, Salzburg 1967, n. 162 (illustrato a p. 346).
  • C. Nebehay, Gustav Klimt, Dokumentation, Vienna, 1969, pp. 417-419 (illustrato a p. 417).
  • L'Opera completa di Klimt, Milano, Rizzoli Editore, 1978, n. 148 (illustrato a p. 104).
  • Alfred Weidinger (curatore), Marian Bisanz-Prakken, Manu von Miller, Susanna Partsch, Sybille Rinnerthaler, Michaela Seiser, Alice Strobl, Eva Winkler: Gustav Klimt, Prestel Verlag, München 2007, n. 195.
  • Tobias G. Natter (curatore), Evelyn Benesch, Marian Bisanz-Prakken, Rainald Franz/Angelina Pötschner, Anette Freytag, Christoph Grunenberg, Hansjörg Krug, Susanna Partsch, Michaela Reichel: Gustav Klimt. Sämtliche Gemälde, Taschen Verlag, Köln 2012, n. 184.

Note:

Alte Frau appartiene a una serie di impegnative immagini di figure su sfondo scuro eseguite da Klimt negli anni 1907-1910. La caratteristica più sorprendente di questa serie forse non sono le qualità tonali cupe che più condividono, ma piuttosto l'emergere drammatico delle caratteristiche di ogni figura. Una composizione altrettanto audace di Klimt è la celebre Dame mit Hut und Federboa (F. Novotny e J. Dobai 161) e Mutter mit Kindern (F. Novotny e J. Dobai 163), entrambe esposte insieme ad Alte Frau alla Kunstschau di Vienna nell'estate del 1909. In quest'ultima il trattamento accuratamente sfumato dei toni carne, con audaci inclusioni di blu e turchese, nasconde il peso potenziale del soggetto.

A differenza dei suoi contemporanei viennesi Schiele e Kokoschka, Klimt ha affrontato raramente argomenti di tipo grave. In termini di gravità, forse la relazione più stretta con Alte Frau nella produzione matura di Klimt è Tod und Leben (F. Novotny e J. Dobai 183) del 1911, dove la figura pesantemente ammantata della Morte riecheggia la figura femminile incapsulata in Alte Frau. Inoltre, nella versione originale di Tod und Leben, prima del rimaneggiamento operato da Klimt, la testa china della Morte aveva un'affinità ancora maggiore con Alte Frau.

La Kunstschau di Vienna del 1909, in cui fu esposta per la prima volta Alte Frau, offrì un'emozionante panoramica dell'arte contemporanea europea. Dipinti di Schiele e Kokoschka erano appesi accanto ad opere di Edvard Munch, Félix Vallotton, Henri Matisse ed Ernst Barlach, mentre le figure torreggianti di Van Gogh e Gauguin erano anch'esse generosamente rappresentate da circa dodici quadri.


Alte Frau belongs to a series of challenging, dark-ground figure pictures Klimt executed in the years 1907-1910. The most striking characteristic of this series is not perhaps the sombre tonal qualities which most share but rather the dramatic emergence of each figure's features. A similarly bold composition is Klimt's celebrated Dame mit Hut und Federboa (F. Novotny e J. Dobai 161) and Mutter mit Kindern (F. Novotny e J. Dobai 163), both exhibited alongside the present work at the Vienna Kunstschau in the Summer of 1909. In Alte Frau the carefully nuanced treatment of the fleshtones, with daring inclusions of blue and turquoise, belies the potential weight of the subject.

Unlike his Viennese contemporaries Schiele and Kokoschka, Klimt seldom tackled subjects of a grave type. In terms of gravity, perhaps the closest relation to Alte Frau in Klimt's mature output is Tod und Leben (F. Novotny e J. Dobai183) of 1911, where the heavily cloaked figure of Death echoes the encapsulated female figure in the present work. Moreover, in the original version of Tod und Leben, before Klimt's overworking, the bowed head of Death had an even greater affinity with the present work.

The Vienna Kunstschau of 1909, in which the present work Alte Frau was first exhibited, offered a thrilling overview of contemporary European art. Paintings by Schiele and Kokoschka hung alongside works by Edvard Munch, Félix Vallotton, Henri Matisse and Ernst Barlach, while the towering figures of Van Gogh and Gauguin were also generously represented by some twelve pictures.

(fonte: Catalogo della vendita Christie's citata sopra)