Prealpi bergamasche

Filippo Carcano, Prealpi bergamasche
Autore: 
Carcano, Filippo (1840-1914)
Titolo: 
Prealpi bergamasche
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1895)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
103 x 203
Annotazioni: 
Firma in basso a sinistra: Carcano F.
Luogo di conservazione: 
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano, Italia
Acquisizione: 
Guido Rossi, 1957
Identificativo: 
1786

Provenienza:

  • Collezione Giulio Pisa, 1900 ante - 1905.
  • Collezione Antonietta Rizzi Pisa, 1905 - 1916 post.
  • Collezione Guido Rossi, 1938 ante - 1957.

Mostre:

  • La Famiglia Artistica nel quarantesimo della sua fondazione. Milano, Permanente, 1913, tav. XXX.
  • I Esposizione internazionale di Belle Arti. Venezia, Biennale, 1895, sala G, n. 52.
  • Mostra Annuale della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente. Milano, Permanente, 1899.
  • Mostra di Pittura Lombarda del secolo XIX. Milano, Palazzo della Permanente, 1900, n. 282.
  • Mostra di Tranquillo Cremona e degli artisti lombardi del suo tempo. Pavia, Castello Visconteo, aprile - giugno 1938, tav. LXII.
  • Il paesaggio italiano: artisti italiani e stranieri. Milano, Permanente, Palazzo della Permanente, maggio - giugno 1954.
  • Aspetti del Naturalismo Lombardo. Lecco, Villa Manzoni, 20 settembre - 30 ottobre 1975, s.n..
  • Ottocento Italiano. Da Lega a Wildt. Busto Arsizio, Fondazione Bandera, 18 novembre 2000 - 25 marzo 2001, senza catalogo.
  • Lumiére et peinture en Italie 1850-1914. Art Média Hotel, Bruxelles, 16 ottobre - 15 dicembre 2002, n. 56.
  • Paesaggi : pretesti dell'anima : visioni ed interpretazioni della natura nell'arte italiana dell'Ottocento. Pavia, Castello Visconteo, 20 novembre 2004 - 3 aprile 2005, 60.

Notizie storico-critiche:

Il dipinto è stato finora datato tra il 1887 e il 1895 (Marchioni, in Paesaggi pretesti dell'anima 2004, p. 127 n. 60) sulla base di un'indicazione di Luciano Caramel, che lo identificava con il dipinto Nuvole bianche esposto da Carcano alla mostra di Brera del 1888 e riproposto quindi con il titolo di Prealpi bergamasche alla prima Biennale di Venezia, nel 1895 (L. Caramel 1986, n. 9). Come già indicato da Guido Cesura (G. Cesura, Filippo Carcano, Milano 1986, p. 46), tuttavia, il quadro va identificato solo con quello presentato a Venezia, e di conseguenza datato al 1895 o all'anno precedente, come confermano anche le descrizioni della stampa dell'epoca. Il dipinto è descritto da Luigi Filippo Bolaffio (La Biennale di Venezia, in "L'Arte Illustrata", a. I, Milano 1895) e, più diffusamente, da Virgilio Colombo (Gli artisti lombardi a Venezia, Milano 1895, pp. 62-63), che si sofferma in particolare sulla descrizione degli effetti di luce del cielo, delle nubi e della neve sulla cima delle montagne. 
Illustrato nell'articolo di Emilio Gussalli dedicato a Carcano su "Emporium" nel 1899 (Artisti contemporanei: Filippo Carcano, "Emporium", giugno 1899, p. 410, ill. p. 408 ) il dipinto verrà inviato l'anno successivo alla mostra sulla Pittura lombarda nel secolo XIX, dove risulta già di proprietà di Giulio Pisa (Pittura lombarda del secolo XIX 1900, p. 94, n. 282), collezionista di pittura lombarda e in particolare degli scapigliati e infatti autore di una monografia su Tranquillo Cremona: parte della sua collezione, tra cui il celebre I due cugini di Cremona, sarà donata alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Alla sua morte nel 1905 il quadro di Carcano passò alla vedova Pisa, la signora Antonietta Rizzi, anche lei discreta collezionista, a cui risulta appartenere ancora nel 1916 (A. Ribera, Filippo Carcano pittore, Torino 1916, p. 19, tav. 40; cfr anche XL mostra della Famiglia Artistica, catalogo della mostra, Milano 1913, tav. XXX). Nel 1938 il quadro è invece già di proprietà di Guido Rossi (Tranquillo Cremona e gli artisti lombardi del suo tempo 1938, p. 45, tav. LXII) che deve averlo comprato alla morte della nobildonna e che vent'anni dopo lo donerà al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica.
Il dipinto, rifoderato, si presenta in buono stato di conservazione, nonostante alcune piccole cadute di colore, e conserva la cornice d'epoca. È da mettere in relazione a vedute lombarde di taglio e impostazione simili, come Lago d'Iseo, La pianura lombarda, Marina, Il ghiacciaio di Cambrena, dipinte negli stessi anni e rappresenta uno degli esiti più importanti del paesaggismo di Carcano, per l'ampiezza di respiro, la solidità della costruzione prospettica e la raffinatezza tecnica, che arriva a lasciare a vista la tela, la cui preparazione originariamente bianca è poi ingiallita, per ricreare gli effetti della luce sulle cime innevate delle montagne in lontananza.

Bibliografia:

  • Colombo V., "Gli artisti lombardi a Venezia : prima Esposizione internazionale d'arte della citta di Venezia, 1895", Milano, 1895, p. 62. 
  • Colombo V., "Gli artisti lombardi a Venezia : prima Esposizione internazionale d'arte della citta di Venezia, 1895", Milano, 1895, pp. 62-63. 
  • Gussalli E., Artisti contemporanei: F. Carcano, in "Emporium", Bergamo, 1899, p. 408.
  • Bignami V., "Pittura lombarda del XIX secolo", Milano, 1900, p. 94, n. 282.
  • Ribera A., "Filippo Carcano pittore", Torino, 1916, tav. 40.
  • T. Cremona, "T. Cremona e gli artisti lombardi del suo tempo : elenco delle opere esposte nel Castello Visconteo di Pavia, aprile-giugno 1938", Roma, 1938, p. 45, tav. LXII.
  • Piceni E. / Cinotti M., La pittura a Milano dal 1815 al 1915, in "Storia di Milano", Milano, 1962, p. 542. 
  • Ottino Della Chiesa A., "Dipinti nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica : Milano", Milano, 1962, p. 69.
  • Predaval G., "Pittura lombarda dal romanticismo alla scapigliatura", Milano, 1967, p. 21, tav. XLVIII.
  • Piceni E. / Monteverdi M., "Pittura Lombarda del secondo Ottocento: lo sguardo sulla realtà", Milano, 1969, fig. 185.
  • Mascherpa G. / Valsecchi M., "Aspetti del naturalismo lombardo: da Gola a Morlotti", Lecco, 1975, p. 16, fig. a p. 45.
  • Cesura G., "Filippo Carcano", Milano, 1986, p. 46.
  • Caramel L., "I dipinti dell'800 nella Collezione Guido Rossi nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano", Busto Arsizio, 1986, n. 9 s. n. p., tav. V.
  • De Grada R. / Fiordimela C., "Ottocento Novecento. Le collezioni d'arte del Museo della Scienza e della Tecnica "Leonardo da Vinci" di Milano", Garbagnate Milanese, 2000, pp. 4, 8, p. 9.
  • Sisi C., "Paesaggi : pretesti dell'anima : visioni ed interpretazioni della natura nell'arte italiana dell'Ottocento", Milano, 2004, p. 127.

(fonte: Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci)