Pomeriggio a Pardigon

Henri-Edmond Cross, Pomeriggio a Pardigon | Après-midi à Pardigon
Autore: 
Cross, Henri-Edmond (1856-1910)
Titolo: 
Pomeriggio a Pardigon
Altri titoli: 
Après-midi à Pardigon
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1907, giugno-ottobre)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
80,7 x 65
Annotazioni: 
Firma in alto a sinistra: henri Edmond Cross
Luogo di conservazione: 
Musée des Beaux-Arts, Nancy, France
Acquisizione: 
Deposito del Musée d'Orsay, 2012
Identificativo: 
RF 1977 125

Provenienza:

  • Collezione Galerie Bernheim-Jeune, Paris.
  • Collezione del visconte Guy de Cholet, fino al 1916.
  • Collezione della contessa Vitali, 1916 - 1923, dono della contessa Vitali ai Musées nationaux, in ricordo di suo fratello visconte Guy de Cholet, 1923.
  • Musée du Luxembourg (inv. n. LUX 1294), 1923-1924.
  • Sénat, 1924-1947.
  • Musée National d'Art moderne, Paris, 5 giugno 1947 - 1977.
  • Musée du Louvre, attribuito dai Musées nationaux, 1977.
  • Musée d'Orsay, assegnato dal Musée du Louvre (trasferimento dal M.N.A.M.), 1977.

Mostre:

  • Henri-Edmond Cross et ses amis : Seurat, Signac, Angrand, Luce, Lucie Cousturier, Van Rysselberghe, Douai, Bibliothèque municipale, 1956.
  • Paintings from the Musée d'Art Moderne de Paris, Londres, Royal British Academy Galleries, 1957.
  • Impressionnistes, peintres de l'eau, Annecy, Palais de l'Isle, 1958.
  • Un século de pintura francesa 1850-1950, Lisbona, Fondation Calouste Gulbenkian, 1965.
  • Salon de la Société des artistes indépendants, Galeries nationales du Grand Palais, 1966.
  • 20e festival de la Rhur, Recklinghausen, Kunsthalle, 1966.
  • Maurice Denis, Paris, Musée de l'Orangerie, 1970.
  • El triunfo del color. De Van Gogh a Matisse : colecciones de los museos d'Orsay y de l'Orangerie, Barcellona,Fundación Mapfre, 2015.
  • O triunfo da Cor. O pós-impressionismo: obras-primas do Musée d'Orsay e do Musée de l'Orangerie, Rio de Janeiro, Centro cultural Banco do Brasil, 2016.

Bibliografia:

  • Compin, Isabelle, Henri Edmond Cross, [s.n.], Paris, 1964.
  • Compin, Isabelle ; Roquebert, Anne, Catalogue sommaire illustré des peintures du Musée du Louvre et du Musée d'Orsay, Réunion des musées nationaux, Paris, 1986.
  • Compin, Isabelle [coordinamento] ; Lacambre, Geneviève [coordinamento] ; Roquebert, Anne, Musée d'Orsay. Catalogue sommaire illustré des peintures, Réunion des musées nationaux, Paris, 1990.

Commento:

Per Henri-Edmond Cross, la pratica del paesaggio è strettamente legata alle sue ricerche sulla luce e sul colore. Come Maurice Denis ha messo giustamente in rilievo, l'artista "sceglie di rappresentare il sole, non attraverso la decolorazione ma tramite l'accentuazione dei colori e le evidenti contrapposizioni".

Cross predilige una natura calda e assolata e, nei suoi taccuini, parla della "magia del sole" del mediterraneo meridionale. Del resto l'artista è stato uno dei primi pittori a lavorare abitualmente in questa regione.

La tecnica della pennellata divisa e la sovrapposizione di colori puri resta per Cross il mezzo per suggerire lo splendore della luce. L'artista prende le distanze dal divisionismo di Seurat per il suo approccio più intuitivo. In questo modo, la forma della pennellata contribuisce a dare un ritmo e un equilibrio alla composizione. Infine, intorno al 1905, l'utilizzo di colori arbitrari e luminosi avvicina Cross ai giovani pittori fauves e, in particolare a Matisse che egli avvia alla tecnica neoimpressionista.

(fonte: Musée d'Orsay)