Oro ed azzurro

Plinio Nomellini, Oro ed azzurro
Plinio Nomellini, Oro ed azzurro [dettaglio]
Autore: 
Nomellini, Plinio (1866-1943)
Titolo: 
Oro ed azzurro
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1924 ante)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
202 x 74
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: PLINIO / NOMELLINI
Luogo di conservazione: 
Collezione privata
Acquisizione: 
Acquisto, 27 aprile 2017

Provenienza:

  • Collezione privata italiana.
  • Vendita, Dorotheum, Wien, asta Gemälde des 19. Jahrhunderts, 27 aprile 2017, lotto 1263, venduto per €50.000,00.

Mostre: 

  • XIV Esposizione Biennale di Venezia 1924, sala XXI, n. 17. 

Bibliografia:

  • Catalogo della mostra, Biennale di Venezia, 1924, p. 74, n. 71. 
  • Gianfranco Bruno, Plinio Nomellini, Ed. Stringa, Milano 1985, p. 220. 

Note:

Plinio Nomellini è nato a Livorno, dove ha frequentato la scuola d'arte e artigianato dal 1878 al 1884. Ha poi studiato a Firenze sotto la guida di Giovanni Fattori, dove ha stretto amicizia con Silvestro Lega, Telemaco Signorini e altri del gruppo dei Macchiaioli. 

Dopo il 1899 approfitta della Biennale di Venezia per promuovere le sue opere. Qui ha incontrato altri artisti contemporanei internazionali come Franz von Stuck e James McNeil Whistler. 

Quest'opera fu esposta alla XIV Biennale di Venezia del 1924, dove furono esposte altre sette opere di Nomellini. È stato dipinto con una tecnica divisionista con piccole macchie di colore per imitare la luce. La modella sembra essere lei stessa la fonte di luce. Ha i capelli lunghi, ondulati e rossi con una magnifica piuma di pavone, che può essere vista come un segno di vanitas o di bellezza.

(fonte: Gautier Gendebien - Scheda del catalogo della vendita Doretheum citata sopra)