La sensualità [1891 circa]

Franz von Stuck, La sensualità | Die Sinnlichkeit | The sensuality [1891 circa]
Franz von Stuck, La sensualità | Die Sinnlichkeit | The sensuality [1891 circa]
Autore: 
Stuck, Franz von (1863-1928)
Titolo: 
La sensualità [1891 circa]
Altri titoli: 
Die Sinnlichkeit
The sensuality
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1891 circa)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
50,5 x 36,3
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: FRANZ / STVCK
Luogo di conservazione: 
Collezione Katharina Büttiker, Zürich
Acquisizione: 
(al 21 maggio 2017)

Provenienza:

  • Galerie Henneberg, Zürich.
  • Vendita Galerie Henneberg, Galerie Helbing, München, 26 ottobre1903, lotto 51.
  • Fritz Gutmann, Heemstede & Amsterdam.
  • Karl Haberstock, acquistato ad una vendita forzosa di Fritz Gutmann, marzo 1941.
  • Karl Brandt, acquistato da Haberstock.
  • Vendita anonima, Galerie Wolfgang Ketterer, München, 21 maggio 1969, lotto 1494.
  • Galerie Gunzenhauser, München.
  • Piccadilly Gallery, London.
  • Collezione privata, California.
  • Restituito agli eredi di Fritz Gutmann in 2009.
  • Vendita, Christie's, London, asta 7888 - Old Master & 19th Century Paintings, Drawings & Watercolours (Day Sale), lotto 318, venduto per £157,250.

Mostre:

  • London, Piccadilly Gallery, Franz von Stuck, 26 marzo - 4 maggio 1974, n. 5.
  • Rotterdam, Museum Boymans von Beuningen, Le Symbolisme en Europe, 14 novembre 1975 - 11 gennaio 1976, n. 232.
  • Brussels, Musée des Beaux-Arts de Belgique, Gennaio - Marzo 1976; Baden-Baden, Staatliche Kunsthalle, Marzo - Maggio 1976; Paris, Grand Palais, Maggio - Giugno 1976).
  • Symbolisme, Fondation Pierre Arnaud, Lens, 3 febbraio - 21 maggio 2017, prestito della Sammlung Katharina Büttiker, Zürich.

Bibliografia:

  • F. H. Meissner, Franz Stuck. Das Künstlerbuch, vol. III, Berlin e Leipzig, 1899.
  • Kunstchronik, n. 14, 1902/1903, p. 253.
  • Eisenwerth (pseudonimo di J. A. Schmoll), 'Franz von Stuck im Spiegel der zeitgenossischen Literatur' in Gestaltungsgeschichte und Gesellschaftsgeschichte. Literatur-, kunst-, und musikwissenschaftliche Studien, Stuttgart, 1969, pp. 427-449.
  • H. Voss, Franz von Stuck 1863-1928, Werkkatalog der Gemälde, München, 1973, pp. 110, 266, n. 58/149 (illustrato).
  • P. Bade, Femme Fatale, Images of evil and fascinating Women, London, 1979, p. 20 (illustrato).
  • T. Raff, Franz von Stuck -- der Maler und seine "Sünde(n)" (catalogo della mostra), Tettenweis, 2003, p. 38.
  • H. Kessler Karl Haberstock - Umstrittener Künsthändler und Mäzen, Munich, 2008, pp. 275, 288, 308 (illustrato).

Note:

Questo lavoro è uno dei numerosi quadri di Stuck che ritraggono una donna nuda intrecciata a un serpente, variamente titolati 'Peccato', 'Vizio' o 'Sensualità'. Il simbolismo rimanda ovviamente ad Eva, ma è in qualche modo diverso dalle rappresentazioni tradizionali del motivo, in quanto è legato indissolubilmente - fisicamente e metaforicamente - al serpente. La donna assume così gli attributi satanici tradizionalmente attribuiti nella Genesi al serpente - sensualità e seduzione - e diventa l'incarnazione della femme fatale. C'è anche un elemento sessuale in questi dipinti, ovviamente nel simbolismo fallico del serpente, e lo sguardo consapevole della donna, che guarda verso lo spettatore.


The present work is one of several pictures by Stuck depicting a nude woman intertwined with a serpent, entitled variously 'Sin', 'Vice' or 'Sensuality'. The symbolism harks back most obviously to Eve, but is somewhat different to traditional representations of the motif in so far that she is linked inextricably -- physically and metaphorically -- to the serpent. The woman thus takes on the satanic attributes traditionally ascribed in Genesis to the snake -- sensuality and seduction -- and becomes the embodiment of the femme fatale. There is further a sexual element to these paintings, most obviously in the phallic symbolism of the serpent, and the knowing gaze of the woman, looking out towards the viewer.

(fonte: Catalogo della vendita Christie's citata sopra)