La lettura

Zandomeneghi, La lettura | Le lecture | Reading
Autore: 
Zandomeneghi, Federico (1841-1917)
Titolo: 
La lettura
Altri titoli: 
La lecture
Reading
Periodo: 
XIX-XX secolo
Datazione: 
non datato (1865-1917)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
66 x 82,2
Annotazioni: 
Firma in alto a destra: Zandomeneghi
Luogo di conservazione: 
Collezione privata

Provenienza:

  • Galerie Durand-Ruel, Paris (fino agli anni 1920).
  • Collezione privata, New York (1920 circa); poi per successione agli eredi.
  • Vendita, Christie's, New York, Park Avenue, asta 7686 - 19th century European paintings, drawings, watercolors e sculpture, 27 maggio 1993, lotto 127, venduto per $629,500.

Bibliografia:

  • E. Piceni, Zandomeneghi, Milano, 1991, n. 484 (illustrato).

Note storico critiche:

Da giovane, il pittore veneziano Federico Zandomeneghi, era stato un fedele sostenitore di Garibaldi, ma dopo aver lasciato l'Italia per Parigi il 2 giugno 1874, non torna più nella sua terra natale. Zandó (come era conosciuto dai suoi colleghi francesi) si integra completamente nella scena artistica di Parigi negli anni 1870 e 1880, esponendo nelle mostre degli impressionisti del 1879, 1880, 1881 e 1886. Zandomeneghi diviene molto amico di Edgar Degas e mantiene stretti legami con Toulouse Lautrec. Zandó è il più moderno del triumvirato che Diego Martelli etichetta, "La colonia italiana" a Parigi, gli altri due membri erano Giuseppe De Nittis e Giovanni Boldini. Stilisticamente, le opere parigine di Zandó devono le loro origini a Degas e Renoir e la sua scelta di soggetti di genere, soprattutto scene di donne e giovani ragazze assorbite nelle loro attività quotidiane, parla di Impressionismo. Anche negli ambienti francesi, è considerato più all'avanguardia rispetto a molti dei suoi contemporanei, e le opere esposte alla quinta mostra impressionista tenutasi in aprile 1880 ottengono il commento entusiasta di due tra i critici più importanti, Huysmans e Silvestre. Sono particolarmente ammirati il suo realismo, la precisione di caratterizzazione e l'attenzione al gesto. Huysmans commenta il dipinto Madre e figlia affermando « È stato ripreso dal vivo, eseguito senza le facce ghignanti così care agli ordinari imbrattatori di soggetti di genere ... » per cui lo considerava una delle opere più imponenti della quinta mostra (C. Moffett, La nuova pittura, impressionismo 1874-1886, San Francisco, 1986, p. 307). È nel contesto dei commenti di Huysmans che La lecture dovrebbe essere visto. Il soggetto è una affascinante scena di genere che mostra tre ragazze intente a leggere una lettera. L'atmosfera è creata da una scorrevole composizione di naturali gesti umani - la postura delle mani e l'inclinazione della testa, tutti catturati in vibranti oli con la delicata qualità di un pastello, un mezzo in cui Zandomeneghi eccelleva altrettanto. Questo bellissimo dipinto offre uno scorcio di quel genio di Federico Zandomeneghi e offre altresì la prova della sua statura di vero pittore impressionista.

(fonte: Catalogo della vendita Christie's del 27 maggio 1993)