L’attesa

Zandomeneghi, L'attesa | L'attente
Autore: 
Zandomeneghi, Federico (1841-1917)
Titolo: 
L'attesa
Altri titoli: 
L'attente
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1896-1898 circa)
Classificazione: 
Disegno
Tecnica e materiali: 
Pastello su carta applicata su cartoncino
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
60,5 x 49,5
Annotazioni: 
Firma a pastello in basso a destra: FZandomeneghi
Luogo di conservazione: 
Museo Civico di Palazzo Te, Mantova, Italia
Acquisizione: 
Donazione Arnoldo Mondadori, 1983
Identificativo: 
10 [1988] - 96210010 [1996]

Note storico critiche:

In primo piano una giovane donna, volta a destra di profilo, siede su una sedia; le braccia appoggiate allo schienale davanti a sè, osserva pensierosa il paesaggio naturale che la circonda. Si tratta della versione a pastello di un tema che nella Collezione Mondadori è presente anche con un dipinto ad olio. Entrambe le opere immergono la figura femminile assorta nei suoi pensieri entro una cornice naturale che in questo caso rimanda ad un paesaggio reale. Infatti lo scenario riprende uno scorcio della campagna di Damiette, nella valle della Chevreuse, a trenta chilometri da Parigi, località scoperta da Zandomeneghi nel 1886 in compagnia dell'amico Armand Guillaumin. Dal 1895, in seguito al contratto con il gallerista Durand-Ruel che gli garantiva una certa sicurezza economica, proprio questa località diventerà meta delle villeggiature di Zandomeneghi. L'opera quasi certamente non è stato creata en-plein-air, ma attraverso la giustapposizione di elementi ricorrenti anche in altre opere. Lo stesso profilo della modella ricorre in altri lavori degli ultimi anni del secolo, suggerendo una datazione tra il 1896 e il 1898. La ricchezza dell'impianto compositivo, la raffinatezza cromatica e l'attenzione agli effetti naturali avvicinano questo pastello all'opera di Gustave Courbet.

(fonte: Museo Civico di Palazzo Te, Mantova)

Mostre:

  • L'impressionismo di Zandomeneghi, Padova, Fondazione Bano, Palazzo Zabarella, 1 gennaio 2016 - 29 gennaio 2017.