Gregge al pascolo

Cannicci, Gregge al pascolo.png
Autore: 
Cannicci, Niccolò (1846-1906)
Titolo: 
Gregge al pascolo
Periodo: 
XIX-XX secolo
Datazione: 
non datato
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
68 x 43
Annotazioni: 
Firma sul retro
Luogo di conservazione: 
Collezione privata

Provenienza:

  • Collezione eredi Renato Fucini, Firenze.
  • Vendita, Pandolfini Casa d'aste, Firenze, asta Importanti dipinti del secolo XIX, 26 novembre 2014, lotto 166, invenduto.

Note storico critiche:

«La valle ancora avvolta nelle nebbie del mattino, come in Armonia mattutina, o nelle ultime luci del tramonto, come in Scende la sera, sono i momenti prediletti da Cannicci, specie negli anni tardi. Anche la stagione, col cielo coperto da una coltre spessa di nubi, accresce quel sentimento d’incertezza e di mistero di cui l’artista avvolge i suoi soggetti, e riflette una maniera particolare d’avvicinarsi alla sensibilità della poetica simbolista, che non insiste su allusioni a significati ulteriori o velate allegorie care invece a Segantini. Di quest’ultimo Cannicci dovette tuttavia aver ben presente alcune tele del nono decennio, tra cui Ritorno all’ovile, specie nella pittura giocata su una gamma finissima di toni evanescenti, leggera e rapida, mentre la resa del cielo potrà ricordare la maniera di Plinio Nomellini, in opere come Sole e nubi. Ma simili ambientazioni fumose ed indefinite appaiono sempre più ricorrenti, dopo il grande precedente di Whistler, nelle immagini del tempo: dalle acqueforti di Fantin-Latour ai dipinti di Cazin, di Levy-Dhurmer (astraendo i modi di quest’ultimo dai temi simbolisti) o di Henri Le Sidaner, ed in Italia specie in ambito romano da Cabianca a Costa, Ricci, De Maria; espressioni consone agli animi colmi di incertezze e assetati di spiritualità della fine del secolo, cui l’impressionismo appariva “realismo minuzioso e falsissimo” (N. Costa). Quanto al motivo della sosta nel campo, così sovente trattato dal Cannicci, si potrà avvicinare queste composizoni a Sosta di una vergheria del 1901, esposto alla Biennale di Venezia, e di cui già l’artista aveva dipinto versioni analoghe sin dal 1887».

(L. Lombardi, Niccolò Cannicci, Soncino 1995, p. 110)