Donna in rosso

Zandomeneghi, Donna in rosso | Femme en rouge | Lady in red
Zandomeneghi, Donna in rosso [dettaglio] | Femme en rouge [détail] | Lady in red [detail]
Autore: 
Zandomeneghi, Federico (1841-1917)
Titolo: 
Donna in rosso
Altri titoli: 
Lady in red
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
1873
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tavola
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
45,7 x 25,4
Annotazioni: 
Firma (monogramma) e data in alto a sinistra: ZF 1873
Luogo di conservazione: 
Collezione privata

Provenienza:

  • Vendita, Sotheby's, New York, asta 7166 - Fine 19th Century European Paintings, Drawings & Sculpture, 8 maggio 1998, lotto 126, con il titolo Lady in red, venduto per $42,500.

Note storico critiche:

Questo ritratto è stato dipinto l'anno prima della partenza del pittore veneziano Zandomeneghi per Parigi, dove il contatto con gli impressionisti cambia profondamente il suo stile. L'opera evidenzia le influenze precedenti sull'artista. Nel 1862 si era stabilito a Firenze, dove aveva visto il sorgere delle "scuole" dei Macchiaioli di Castiglioncello e di Piagentina ed era divenuto membro del gruppo. Le opere dei Macchiaioli erano connotate da un forte nazionalismo nel contesto del Risorgimento - il movimento politico che unificò l'Italia, liberata dal dominio straniero e sotto un laico governo costituzionale. Enrico Piceni, scrivendo del lavoro di Zandomeneghi prima del suo trasferimento a Parigi, commenta: "Questi primi lavori riflettono una meticolosa cura nella riproduzione della realtà ... Nella sua rappresentazione della realtà Zandò mostra un forte sentimento umanitario, che rivelano la sua solidarietà sociale e le sue inclinazioni" (Enrico Piceni, Zandomeneghi, Busto Arsizio, 1991, p. 56). In effetti, la modella di questo dipinto, pur di umili origini, è comunque rappresentato con un atteggiamento fiero e nobile, e Zandomeneghi ha raffigurato fedelmente il suo rustico costume italiano.

(fonte: Catalogo vendita Sotheby's dell'8 maggio 1998)