Autunno

Ettore Tito, Autunno
Autore: 
Tito, Ettore (1859-1941)
Titolo: 
Autunno
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1914 circa)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
143 x 198
Luogo di conservazione: 
Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, Italia
Acquisizione: 
Acquisto alla XI Biennale di Venezia, 1914
Identificativo: 
Codice ICCD 12 00826963

Notizie storico-critiche:

La tela, che fu acquistata alla mostra individuale di Tito allestita alla XI Biennale Internazionale d'Arte di Venezia dallo Stato per le collezioni della Galleria Nazionale d'Arte Moderna, ritrae i figli del pittore, Mario e Luigi - nati rispettivamente nel 1902 e nel 1907 - colti in un momento di svago nella tenuta di famiglia, nella stagione autunnale. Il doppio ritratto, che fa parte di una serie di lavori dedicati alla famiglia (come "l'Amazzone", "Gigetto", "Passeggiata alpestre"), dipinti a partire dal 1905 fino al 1915, risente di una cultura artistica europea che pone la propria attenzione al mondo dell'infanzia e della famiglia, da Carl Larsson ad Albert Besnard (cfr., Mazzanti 1998), artisti che propongono brani di vita domestica, della società borghese serena e socievole, col fine di celebrarne le virtù morali nel momento precario della Belle Époque ormai prossimo alla guerra. Tito assorbe avidamente ogni novità proveniente dall'Europa e dall'America che ha modo di scoprire alle Biennali veneziane, permettendogli di creare uno stile eclettico e accattivante, molto apprezzato da critica e pubblico. In "Autunno" sono ben evidenti i caratteri stilistici propri dell'artista, una maniera fatta di composizioni complesse e colori ricchi, stesi a tacche svirgolate, materici e cremosi, e con pennellate sommarie. Come in quasi tutti i dipinti primonovecenteschi di Tito, il punto di vista è fortemente scorciato, dal basso verso l'alto, mentre i protagonisti della scena assumono pose che appaiono deliberatamente artificiose. Dal punto di vista dei toni, dominano le gradazioni calde proprie dell'atmosfera autunnale, delle foglie ingiallite e dell'erba paglierina, mentre contrappunti cromatici sono apprezzabili nelle vesti blu dei bambini e, soprattutto, nei rimandi tra il ceruleo del cielo e gli occhi del piccolo Luigi o quelli tra gli occhi castani di Mario e il manto del cavallo, presenza costante nei dipinti di Tito. L'autunno evocato dal titolo e dalla scelta cromatica è richiamato, inoltre, da alcuni "attributi iconografici", come la vite sulla sinistra, il grappolo di uva bianca tenuto in mano da Mario e quello di uva nera nel canestro in primo piano in basso a destra.

Bibliografia:

  • Catalogo della XI Esposizione Internazionale d'Arte della Città di Venezia, Venezia 1914, n. 3.
  • A. Colasanti, La mostra internazionale d'arte a Venezia: esposizioni Italiane, in "Emporium", 237, 1914, rip. p. 204.
  • I. Neri, Ettore Tito, Bergamo 1916, p. 17, ripr. p. 78.
  • L. Marangoni, Ettore Tito, Venezia 1923, ill. p. 142.
  • A. Mazzanti, in Ettore Tito (1859 - 1941), catalogo della mostra (Venezia, Fondazione Giorgio Cini), a cura di A. Bettagno, Milano 1998, n. 5, p. 194, rip. p. 108.
  • M. Picciau, in Galleria Nazionale d'Arte Moderna. Le collezioni. Il XIX secolo, a cura di E. Di Majo, M. Lafranconi, Milano 2006, n. 11.19, p. 282.

(fonte: Catalogo Generale dei Beni Culturali)