Un angolo di giardino a Bellevue

Manet, Un angolo di giardino a Bellevue.jpg
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
Un angolo di giardino a Bellevue
Altri titoli: 
Un coin de jardin à Bellevue
A garden nook at Bellevue
Im Garten der Villa Bellevue
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1880)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
91 x 70
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: Manet
Luogo di conservazione: 
Stiftung Sammlung E. G. Bührle | Foundation E. G. Bührle Collection, Zürich, Schweiz
Acquisizione: 
Dono degli eredi di Emil Bührle, 1960
Identificativo: 
58

Commento:

Emil Bührle ha anche il merito di essere riuscito a raccogliere nella sua collezione quadri di Edouard Manet che rappresentano i diversi aspetti della sua opera ricca e variegata. In effetti la collezione include sia la pittura classica realizzata in studio che le nuove tendenze impressioniste. Fin dall'inizio del XX secolo, Manet è considerato da molti come uno dei maggiori artisti del suo tempo. Le sue opere sono acquisite molto presto dai musei di tutta Europa e degli Stati Uniti e le sue opere maggiori spariscono rapidamente dal mercato. Questo dipinto rappresenta il giardino di una villa parigina dove Manet trascorreva l'estate è una delle più importanti opere del pittore. È stato fatto tre anni prima della morte dell'artista e testimonia la maestria con cui Manet si è appropriato della tecnica della pittura all'aperto, in particolare concentrandosi più da vicino sul lavoro del suo giovane amico Claude Monet . La casa, il fogliame e il personaggio sono dipinti in puro stile impressionista: la giustapposizione dei tocchi di pennello dà un'impressione di movimento e tutto si fonde per diventare puro colore. Le ombre non possono essere dipinte che nei toni del blu scuro, quando non sono semplicemente rese superflue con degli artifici. La facciata della casa che si trova sotto la grondaia è immersa in una luce la cui fonte non può essere la luce diretta del sole che viene dall'alto. Non può che essere una luce riflessa che illumina il muro dal basso, magari da uno stagno invisibile allo spettatore. La profusione di colori che emana da questo quadro ci permette di avere un'idea della mentalità del collezionista Eduard Arnhold che aveva acquistato questo lavoro nel 1904. Originariamente Arnhold lo aveva destinato alla Nationalgalerie di Berlino, ma venne meno alla sua promessa, perché non volle separarsi da questo dipinto.

(fonte: Stiftung Sammlung E. G. Bührle)

Provenienza:

  • Eugène Pertuiset, Paris.
  • Allaret, Paris.
  • Durand-Ruel, Parigi, 1900/1902.
  • Paul Cassirer, Berlin, 1903.
  • Eduard Arnhold, Berlin, acquistato da Cassirer, 1903-1925.
  • Eredità Eduard Arnhold, la collezione Arnhold è stata tenuta nella casa del collezionista dagli eredi Arnhold e resi accessibili ai potenziali acquirenti fino allo scoppio della seconda guerra mondiale.
  • Carlo Frua de Angeli, Milano, 1948.
  • Dr. Walter Feilchenfeldt, Zürich, acquistato da Frua de Angeli qualche tempo dopo il 1948.
  • Emil Bührle, Zürich, acquistato da Feilchenfeldt, 14 novembre 1951-28 novembre 1956.
  • Donazione degli eredi di Emil Bührle alla Stiftung Sammlung E.G. Bührle, Zürich, n. 58, 1960.

Mostre:

  • Collectivausstellung, II. Winterausstellung, Kunstausstellung Paul Cassirer, Berlin 1901 (senza catalogo).
  • Entwicklung des Impressionismus in Malerei u. Plastik, XVI. Ausstellung der Vereinigung bildender Künstler Österreichs (Secession), Vienna 1903, n. 30.
  • Ausstellung Edouard Manet 1832–1883, Gemälde, Pastelle, Aquarelle, Zeichnungen, Galerie Matthiesen, Berlin 1928, n. 61.
  • Manet, Fondation Pierre Gianadda, Martigny 1996, n. 72.
  • Manet bis van Gogh, Hugo von Tschudi und der Kampf um die Moderne, Nationalgalerie, Berlin; Neue Pinakothek, Munich 1996–97, n. 20;
  • Edouard Manet und die Impressionisten, Staatsgalerie Stuttgart 2002–03, n. 65.
  • Manet, Complesso del Vittoriano, Roma 2005–06, n. 119.

Bibliografia:

  • Théodore Duret, Histoire d'Edouard Manet et de son oeuvre, Avec un catalogue des peintures et des pastels, Paris 1902, n. 298 (21909, 31919, 41926; edizione tedesca: Edouard Manet, Sein Leben und seine Kunst, Berlin 1910; edizione inglese: Manet and the French Impressionists, London & Philadelphia 1910; 22009).
  • Emil Heilbut, "Die Impressionisten-Ausstellung der Wiener Secession", in: Kunst und Künstler (1) 1902/03, pp. 171, illustrato, 173.
  • Ferdinand Laban, "Im zwanzigsten Jahr nach Manets Tode", in Zeitschrift für bildende Kunst (15) 1904, pp. 25–26, illustrato, 29–30.
  • Auguste Marguillier, "Le pavillon de Bellevue", in L'Art et la coleur des maîtres contemporains (no. 3) 1904, (illustrato).
  • Hugo von Tschudi, "Die Sammlung Arnhold", in Kunst und Künstler (7) 1908/09, p. 61.
  • Hugo von Tschudi, Édouard Manet, Berlin 21909, p. 59 (illustrato; 41920).
  • Louis Hourticq, Manet, Paris 1912, fig. 48 (edizione inglese: London & Philadelphia).
  • Julius Meier-Graefe, Edouard Manet, Munich 1912, fig. 169.
  • Antonin Proust, Édouard Manet, Souvenirs, Paris 1913, fig. 31.
  • Max Deri, Die Malerei im XIX. Jahrhundert, Entwicklungsgeschichtliche Darstellung auf psychologischer Grundlage, Berlin 1919, vol. 1, p. 152; vol. 2, fig. 27.
  • Etienne Moreau-Nélaton, Manet, raconté par lui-même, Paris 1926, vol. 2, pp. 73–74, fig. 285.
  • Marie Dormoy, "La collection Arnhold", in L'Amour de l'art (7) 1926, p. 244, illustrato
  • Karl Scheffler, "Die Manet-Ausstellung in der Galerie Matthiesen", in Kunst und Künstler (26) 1927/28, p. 220, illustrato
  • Adolphe Tabarant, Manet, Histoire catalographique, Paris 1931, no. 318.
  • Paul Jamot, Georges Wildenstein, Manet, Catalogue critique, Paris 1932, vol. 1, n. 400; vol. 2, fig. 273.
  • René Huyghes, "Manet, peintre", in L'Amour de l'art (13) 1932, fig. 68.
  • Robert Rey, Manet, Paris 1938, p. 132, illustrato
  • Adolphe Tabarant, Manet et ses oeuvres, Paris 1947, p. 384, fig. 343.
  • Sandra Orienti, Marcello Venturi, L'opera pittorica di Edouard Manet, Milan 1967, n. 305 (illustrato; edizione inglese: Sandra Orienti, Phoebe Pool, The Complete Paintings of Manet, New York 1967; edizione tedesca: Das gemalte Werk von Edouard Manet, Lucerne etc. 1967; edizione francese: Denis Rouart, Sandra Orienti, Tout l'oeuvre peint d'Edouard Manet, Paris 1970, n. 309 [illustrato]).
  • Lilli Fischel, "Von der Bildform der französischen Impressionisten", in Jahrbuch der Berliner Museen (15) 1973, pp. 61, 84, fig. 3.
  • Denis Rouart, Daniel Wildenstein, Edouard Manet, Catalogue raisonné, Lausanne & Paris 1975, vol. 1, Peintures, n. 347, illustrato
  • Juliet Wilson-Bareau, Manet by Himself, Correspondence & Conversation, Paintings, Pastels, Prints & Drawings, London & Sidney 1991, pp. 252, 255, 313, fig. 216 (New York 1995; 2004).
  • Barbara Paul, Hugo von Tschudi und die moderne französische Kunst im Deutschen Kaiserreich, Mainz 1993, p. 367.
  • Michael Dorrmann, "'Unser bedeutendster und glücklichster Sammler von neuen Bildern', Die Entstehung und Präsentation der Sammlung Arnhold in Berlin", in Die Moderne und ihre Sammler, Französische Kunst in deutschem Privatbesitz vom Kaiserreich zur Weimarer Republik, Berlin 2001, pp. 27, 29, 38, n. 29, 30, fig. 1.
  • Esther Tisa Francini etc., Fluchtgut, Raubgut, Der Transfer von Kulturgütern in und über die Schweiz 1933–1945 und die Frage der Restitution, Unabhängige Expertenkommission Schweiz–Zweiter Weltkrieg (ed.), Zürich 2001, p. 105, n. 264.
  • Clare Willsdon, In the Gardens of Impressionism, London 2004 (edizione tedesca: In den Gärten des Impressionismus, Stuttgart 2004).
  • Holly Richardson, "'Un jardin de peintre', Die Gartenbilder von Monet, Manet und Liebermann", in Im Garten von Max Liebermann, (catalogo della mostra) Kunsthalle Hamburg; Nationalgalerie, Berlin 2004–05, p. 36, fig. 5.
  • Nils Büttner, Gemalte Gärten, Bilder aus zwei Jahrtausenden, München 2008, pp. 161 (illustrato dettaglio)–162, fig. 86.
  • "Man steht da und staunt", Kunstsalon Paul Cassirer, Die Ausstellungen 1901– 1905, B. Echte, W. Feilchenfeldt (editori), Wädenswil 2011, pp. 63, illustrato, 70.
  • Juliet Wilson-Bareau, "The Manet exhibition in Paris, 2011", in Burlington Magazine (153) 2011, p. 822, fig. 50.