Ritratto di Jeanne Pontillon

Morisot, Ritratto di Jeanne Pontillon [1894].jpg
Autore: 
Morisot, Berthe (1841-1895)
Titolo: 
Ritratto di Jeanne Pontillon
Altri titoli: 
Portrait de Jeanne Pontillon
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1894)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
116,7 x 81,5
Annotazioni: 
Stampigliatura in basso a sinistra: Berthe Morisot
Luogo di conservazione: 
Musée d′Art et d′Histoire, Genève, Suisse
Acquisizione: 
Deposito della Société des Amis du Musée d′Art et d′Histoire (SAMAH) a seguito di una donazione di uno dei suoi membri, 2016
Identificativo: 
BA 2016-12-dt

Commento:

Figlia maggiore di Edma Pontillon nata Morisot, sorella maggiore di Berthe, Jeanne Pontillon (1870-1921) ha qui 24 anni. Da bambina è già apparsa in numerosi quadri di sua zia quali Cache-cache (Rimpiattino, 1873, collezione privata), Chasse aux papillons (Caccia alle farfalle, 1874, Musée d'Orsay, Parigi) e Dans le parc (Nel parco, 1874, Petit Palais, Musée des Beaux Arts de la Ville de Paris).
Berthe Morisot ha rpreso sua nipote in una posa rilassata ed il suo sguardo, pure intenso, sembra perduto in un sogno a occhi aperti. Il genio del pittore si basa in particolare sulla sua abilità nel maneggiare il pennello, offrendo un tocco tanto leggero quanto potente. Questa economia di mezzi si riflette nel trattamento della luce e il sottile gioco di tonalità marrone-verde, di rosa e di arancione. Se il tutto sembra eseguito rapidamente o appena abbozzato, come la mano sinistra, il volto è delicatamente finito. Dalle generose dimensioni della tela all'atteggiamento molto naturale della modella, tutto converge qui mettere a confronto lo spettatore con la presenza molto fisica di una giovane donna i cui pensieri comunque gli sfuggono.
Il quadro è stato dipinto nella camera da letto dell'artista alla rue Weber a Parigi. Sullo sfondo, ci sono il ricordo abbozzato di una fotografia del 1880 in cui appaiono Berthe, il marito Eugène Manet e la loro figlia Julie. Pubblicata nel catalogo ragionato del 1997, questa foto è stata scattata a Bougival, una piccola città lungo la Senna a una ventina di chilometri da Parigi, apprezzata dagli impressionisti (Monet, Renoir, Sisley ...) e dove la famiglia possedeva un casa di campagna.
Presentato nel modo intero in occasione di una quindicina di mostre, questo ritratto è rimasto per lungo tempo nella famiglia della pittrice. Era prima appartenuto alla sua modella, Jeanne, prima di essere trasmesso a sua sorella Blanche Pontillon (1871-1941), poi al figlio di quest'ultima, Michel Forget (1911-1950).
Esistono numerosi studi preparatori: una sanguigna (collezione privata), un pastello (collezione privata) e un acquerello su matita (Art Institute of Chicago). Si tratta del primo quadro di Berthe Morisot ad essere entrato nella collezione del MAH, al quale è stato lasciato in legato testamentario, il 1998, un paesaggio provenzale a pastello oggi conservato tra i fondi del Cabinet d’arts graphiques.

(fonte: Musée d′Art et d′Histoire, Genève)