Ritratto della moglie giovenetta

Ferroni, Ritratto della moglie giovenetta
Autore: 
Ferroni, Egisto (1835-1912)
Titolo: 
Ritratto della moglie giovenetta
Altri titoli: 
La fidanzata del pittore
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1858)
Classificazione: 
Dipinto
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
64 x 53,4
Luogo di conservazione: 
Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Pitti, Firenze, Italia
Acquisizione: 
Lascito testamentario dell'ing. Arrigo Ferroni del 2 marzo 1940
Identificativo: 
[Ferroni] 105 (1940) | [Giornale GAM] 768 (1932 post)

Note storico critiche:

Eseguita nel 1858, forse a Signa, l'opera portava il n° 105 nel catalogo redatto in occasione del lascito. Fu scelto con altre opere dalla commissione G. Poggi, Nomellini, Romanelli. Il quadro, nella mostra di Palazzo Pitti reca il titolo Ritratto della moglie giovenetta, titolo da intendersi evidentemente come ritratto fatto alla moglie dal Ferroni, quando questa era ancora giovinetta, cioè fidanzata. Ferroni comunque si sposò con Felicita, detta Cice, nel 1860 e non ci sarebbe quindi molta differenza di data. Di Felicita ormai anziana esiste un altro ritratto del 1907 (A. Santarelli, Egisto Ferroni pittore, Firenze 1930, 1936, Mostra commemorativa di E.Ferroni, Firenze, cat. n. 3, E. Somarè, L'opera di Egisto Ferroni, Milano, 1939, p.16 e tav. 44). Somarè vede il dipinto come "Splendido riassunto del noviziato neoclassico" al quale si aggiunge "l'impronta dell'osservazione naturale che sa riconoscere da uno schema usato, effetti inconsueti, riuscendo infine ad una rappresentazione pittoricamente più fine e più gentile".

(fonte: Polo museale fiorentino)