Ragazzo seduto

Max Beckmann, Ragazzo seduto | Seated boy
Autore: 
Beckmann, Max (1884-1950)
Titolo: 
Ragazzo seduto
Altri titoli: 
Seated boy
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1918)
Classificazione: 
Disegno
Tecnica e materiali: 
Grafite su carta vergata color crema
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
50,4 x 32,9
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: Beckmann
Luogo di conservazione: 
Art Institute of Chicago, Illinois, USA
Acquisizione: 
Dono del Print and Drawing Club, 1958
Identificativo: 
1958.15

Provenienza:

  • Zinglers Kabinett, Frankfurt [secondo Hille 1994].
  • Mannheim Kunsthalle [Lugt 1781E]; probabilmente venduto a Hildebrand Gurlitt, 1942 [secondo l'inventario della Entartete Kunst (Arte degenerata)].
  • Probabilmente, Mannheim Kunsthalle, dal 1951 [secondo Hille 1994, il disegno era contrassegnato dal numero d'inventario 1951/52 alla Kunsthalle Mannheim].
  • Frankfurter Kunstkabinett Hanna Bekker vom Rath (aperto il 1947), 1955, [Frankfurt 1955].
  • Allan Frumkin, New York, venduto all'Art Institute, 1958.

Mostre:

  • Mannheim, Germany, Städtische Kunsthalle Mannheim, “Max Beckmann - das gesammelte Werk,” 1928, numero di catalogo 126 (?).
  • Frankfurt, Germany, Kunstkabinett Hanna Bekker vom Rath, “Max Beckmann,” 9 luglio - 12 agosto 1955, numero di catalogo 16.
  • Pfälzisch Landesgeurbeanstalt, Kaiserslautern, “Max Beckmann,” 29 settembre - 29 ottobre 1956, numero di catalogo 16.
  • Frankfurt, Germany, Kunstkabinett Hanna Bekker vom Rath, “Gemälde, Aquarelle, Handzeichnungen, Graphik, Plastik des 20 Jahrs,” 1956-1957, numero di catalogo 20.
  • München, Haus der Kunst, “Max Beckmann,” febbraio 25-aprile 23, 1984,numero di catalogo154, catalogo di Carla Schulz-Hoffmann e Judith C. Weiss, et. al.; mostra allestita successivamente a Berlin, Nationalgalerie, 18 maggio - 29 luglio 1984; St. Louis Art Museum, 7 settembre - 4 novembre 1984; Los Angeles County Museum of Art, 9 dicembre 1984 - 3 febbraio 1985.

Bibliografia:

  • Stephan von Weise, Max Beckmanns Zeichnerisches work 1903-1925 (Dussledorf, 1978), pp. 133 e 214, n. 403 (illustrato).
  • Karoline Hille, Spuren der Moderne: Die Mannheimer Kunsthalle von 1918 bis 1933 (Berlin, 1994), pp. 321 e 380.