Ragazza alla finestra

Nomellini, Ragazza alla finestra.jpg
Autore: 
Nomellini, Plinio (1866-1943)
Titolo: 
Ragazza alla finestra
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1891-1893)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
50,5 x 65,5
Annotazioni: 
Firma in alto a destra: P N
Sul verso, sul telaio, in alto a sinistra, firma a inchiostro: “Plinio Nomellini”, a destra, al centro, timbro con figura animale e numero: “15 P/ 65/50”
Luogo di conservazione: 
Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde / Gallerie d’Italia Piazza Scala, Milano, Italia
Acquisizione: 
Proveniente dall'Istituto Bancario Italiano, 1991
Identificativo: 
AH02083AFC

Provenienza:

  • Collezione privata, Genova (nel 1985).
  • Collezione Istituto Bancario Italiano, Roma (fino al 1991)

Mostre:

  • 2010, Innsbruck, s. n.

Commento:

Proveniente da una collezione privata genovese, l’opera è ricomparsa poco dopo l’esposizione dedicata a Plinio Nomellini nel 1985 alla Permanente di Milano, poi trasferita al Museo dell’Accademia Ligustica di Genova; qui il dipinto è stato restaurato e alcuni mesi dopo acquistato per la Collezione dell’Istituto Bancario Italiano (IBI). Nel dipinto, stilisticamente affine a un disegno del 1892 raffigurante una Testa di sirena (Novara, Galleria d’Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni), una giovane donna, ritratta a mezzo busto, si affaccia alla finestra come per rispondere ad un richiamo che giunge dalla strada; sul davanzale due steli fioriti di gusto liberty le fanno da cornice. La posa della giovane, leggermente piegata in avanti e con il viso rivolto a destra, conferisce al dipinto un accentuato dinamismo, sottolineato dai lunghi tratti di colore. L’accurata stesura pittorica a filamenti di colore che formano una tessitura compatta è il frutto di una personale elaborazione dei principi scientifici della pittura divisionista: Nomellini esegue con la nuova tecnica, variamente interpretata nelle diverse tele, dipinti ispirati alle tematiche sociali (Piazza Caricamento, 1891, Tortona, Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona) e ai paesaggi di Genova (Il golfo di Genova, 1891, collezione privata), città dove risiede dal 1890. La figura femminile, intesa secondo il nuovo gusto simbolista, ritornerà sul finire del decennio nel trittico Sinfonia della luna (1899, Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro) col quale il pittore partecipa alla III Esposizione internazionale d’arte della città di Venezia.
Dal novembre 2011 l’opera è visibile nell’allestimento delle Gallerie d’Italia a Milano.

Bibliografia:

  • Gianfranco Bruno, Aggiunte a Nomellini, in "Quaderni del Museo Accademia Ligustica di Belle Arti. Palazzo dell’Accademia", n. 5, Genova, maggio 1985, p. 4, ill. p. 6.
  • Sergio Rebora, Plinio Nomellini, Ragazza alla finestra, in Tesori d'arte delle banche lombarde, Associazione Bancaria Italiana, Milano, 1995, n. 589, p. 306, ill.
  • Sergio Rebora, Plinio Nomellini, Ragazza alla finestra, in Sergio Rebora, a cura di, Le collezioni d’arte. L’Ottocento, Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Milano, 1999, n. 189, pp. 286-288, ill. p. 287.
  • Stefano Bosi, Plinio Nomellini, Ragazza alla finestra, in Antonio D’Amico, a cura di, Poesia d’interni. Angoli di vita nell’arte dell’800 italiano, catalogo della mostra, Innsbruck, Palazzo Imperiale, 5 agosto – 5 settembre 2010, Edizioni Bocca, Milano, 2010, p. 94, ill. p. 95.
  • Elena Lissoni, in Fernando Mazzocca, a cura di, Da Canova a Boccioni. Le collezioni della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, Skira, Milano, 2011, n. X.159, p. 238, ill.

Laura Casone