Pissarro, Lucien

Manson, Lucien Pissaro che legge.jpg
Cognome: 
Pissarro
Nome: 
Lucien
Luogo di nascita: 
Parigi
Data di nascita: 
1863
Luogo di morte: 
Hewood (Somerset)
Data di morte: 
1944
Nazionalità: 
Francese
Biografia: 

 

Lucien Pissarro (20 febbraio 1863 - 10 luglio 1944), formato dal padre Camille, svolse un attivo ruolo di collegamento tra le avanguardie artistiche francesi e inglesi. Nel 1886 partecipa all’ultima mostra degli impressionisti e comincia ad esporre regolarmente con gli Indipendenti. Conosce in quegli anni van Gogh e frequenta altri pittori, di cui subirà l’influsso, tra cui Seraut e Signac. Studia l’incisione su legno con Lepère e si dedica all’illustrazione libraria lavorando nel 1887 per l’editore Manzi e collaborando a numerose riviste e anche con la stampa anarchica. I suoi lavori grafici risentono molto dell’influenza di Daumier e di Millet, oltre che del padre e dei neoimpressionisti. Si stabilisce a Londra nel 1890. Qui viene coinvolto nel movimento inglese Arts and Crafts. Sua cugina e moglie Esther Bensusan era infatti una discepola di Ruskin e Morris. Con lei fonda la Eragny Press nel 1894 (Libro di Ruth e di Esther, 1896). Soggiorna spesso a Eragny dove il fratello aveva uno studio. Sono frequenti i suoi viaggi in Francia e in Belgio. A Bruxelles espone con Les XX e La Libre Esthétique. Dopo il lungo periodo dedicato alla stampa, ritorna alla pittura legandosi di amicizia con Sickert e partecipando alla fondazione del gruppo di Camden Town (1911). Si allontana via via dallo stile del padre con il quale aveva però condiviso una libera adesione al neoimpressionismo, ignorandone la rigida base scientifica, ma adottando la caratteristica tecnica puntinista. Nel 1950 viene pubblicata la voluminosa corrispondenza con il padre di grande interesse documentario.

(fonte: Chiara Maraghini Garrone in Storia dell'Arte Einaudi)