Oloron Sainte Marie

Manet, Oloron Sainte Marie [2].jpg
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
Oloron Sainte Marie
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
1871
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
42,5 x 62,5
Annotazioni: 
Firma e data, indistintamente, in basso a destra: Manet 71 (?)
Luogo di conservazione: 
Stiftung Sammlung E. G. Bührle | Foundation E. G. Bührle Collection, Zürich, Schweiz
Acquisizione: 
Dono degli eredi di Emil Bührle, 1960
Identificativo: 
64

Commento:

Nel settembre del 1870, Manet aveva portato a Oloron Sainte Marie, nei Pirenei francesi, sua madre, sua moglie ed il figlio per metterli al sicuro dal tumulto della guerra, mentre lui viene arruolato come tenente di artiglieria. Dopo la fine della guerra, lascia Paris il 12 febbraio 1871 per vedere la sua famiglia. Trascorre circa una settimana ad Oloron Sainte Marie, dove esegue solo due lavori: uno schizzo del paesaggio ed il dipinto della Collezione Bührle. Il quadro raffigura Leon Leenhoff, il figlio diciannovenne di Manet, appoggiato alla balaustra di un loggiato situato al primo piano della casa della famiglia Lailhacar che ospitava la famiglia dell'artista. Ciò che ci affascina oggi è ciò che ha scandalizzato un tempo: la fredda durezza del loggiato, in primo piano, con i suoi muri grigi, i suoi montanti rosso chiaro e la sua prospettiva accentuata che si contrappone al tumulto dei tetti ed al paesaggio ondulato. Solo la figura umana, presso la balaustra, è il legame tra i due piani.

(fonte: Stiftung Sammlung E. G. Bührle)

Provenienza:

  • Louis Gauthier-Lathuille, Parigi, acquistato dall'artista, 29 luglio 1881.
  • Madame Jolliot (nata Gauthier-Lathuille), Paris.
  • Hector Brame, Parigi, 1932-1936.
  • Paul Brame, Parigi, 1941-1948.
  • Dr. Fritz Nathan, San Gallo, 1948-1949.
  • Emil Bührle, Zürich, acquistato da Nathan, 15 marzo 1949-28 novembre 1956.
  • Donazione degli eredi di Emil Bührle alla Foundation E.G. Bührle Collection, Zürich, n. 64, 1960.

Mostre:

  • Retrospettiva di Edouard Manet, Mostra individuale, XIXa Esposizione Biennale Internazionale d'Arte (Padiglione della Francia), Venezia 1934, n. 7.
  • "La Flèche d'Or", French XIXth Century Art, Arthur Tooth & Sons, Londra 1937, n. 27.
  • The Art of the Third Republic, French Painting 1870 - 1940, Worcester Art Museum (Massachusetts) 1941, n. 2.
  • A Loan Exhibition of Manet for the Benefit of the New York Infirmary, Wildenstein Galleries, New York 1948, n. 19.
  • OEuvres choisies du XIXe siècle, Galerie Max Kaganovitch, Paris 1950, n. 21.
  • Europäische Kunst 13. - 20. Jahrhundert, Kunsthaus Zürich 1950, p. 25.
  • Beginn und Reife, Kunsthalle Recklinghausen (10. Ruhrfestspiele) 1956, n. 165.
  • Edouard Manet und die Impressionisten, Staatsgalerie Stoccarda 2002-03, n. 21.
  • Manet, Complesso del Vittoriano, Roma 2005-06, n. 90.

Bibliografia:

  • Marie-Louise Bataille, "Manet beim 'Père Lathuille'", in Kunst und Künstler (28) 1929/30, pp. 203 (illustrato), 206.
  • Adolphe Tabarant, Manet, Histoire catalographique, Paris 1931, n. 161bis.
  • Paul Jamot, Georges Wildenstein, Manet, Paris 1932, vol. 1, n. 188, vol. 2, fig. 373.
  • Ulrich Christoffel, "Die Biennale in Venedig", in Die Kunst (69) 1934, p. 363, illustrato.
  • Adolphe Tabarant, Manet et ses oeuvres, Paris 1947, pp. 184 - 185, fig. 167.
  • Maurice Bex, Manet, Paris 1948, fig. 56.
  • Sandra Orienti, Marcello Venturi, L'opera pittorica di Edouard Manet, Milano 1967, n. 142 (illustrato; edizione inglese: Sandra Orienti, Phoebe Pool, The Complete Paintings of Manet, New York 1967; edizione tedesca: Das gemalte Werk von Edouard Manet, Lucerna 1967; edizione francese: Denis Rouart, Sandra Orienti, Tout l'oeuvre peint d'Edouard Manet, Paris 1970).
  • Denis Rouart, Daniel Wildenstein, Edouard Manet, Catalogue raisonné, Losanna e Paris 1975, vol. 1, Peintures, n. 163, illustrato.
  • Sophie Monneret, L'Impressionnisme et son époque, Dictionnaire international illustré, vol. 1, Paris 1978, p. 314; vol. 3, Paris 1980, p. 140.
  • Eric Darragon, Manet, Paris 1991, fig. 128.
  • Juliet Wilson- Bareau, Manet by Himself, Correspondence & Conversation, Paintings, Pastels, Prints & Drawings, London 1991, pp. 265, 310, fig. 138 (New York 1995; 2004).
  • Nancy Locke, Manet and the Family Romance, Oxford & Princeton 2001, p. 127, fig. 62 (Princeton 2002).
  • Pierre-Louis Giannerini, Oloron Sainte-Marie, L'esprit d'une ville, Oloron Sainte Marie 2010, pp. 71 (n. 37), 73 - 74, illustrato.
  • James H. Rubin, Manet Initial M, Hand and Eye, Paris 2011, n. 99 (illustrato; edizione francese: Manet, Initiale M, L'oeil, une main).