Nudo sdraiato

Max Beckmann, Nudo sdraiato | Liegender Akt | Reclining nude
Autore: 
Beckmann, Max (1884-1950)
Titolo: 
Nudo sdraiato
Altri titoli: 
Liegender Akt
Reclining nude
Nu couché
Nude
Liegende
Liegende Frau
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
1929
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
83,4 x 119
Luogo di conservazione: 
Art Institute of Chicago, Illinois, USA
Acquisizione: 
Acquistato da Feigen, 8 giugno 1988
Identificativo: 
1988.220

Provenienza:

  • Rudolf Freiherr von Simolin, Berlin, Frankfurt e Seeseiten, 15 luglio 1929 - 1945; per successione a sua figlia baronessa Rudi de Saint-Paul, 1945 - 1956 [letter Dec. 21, 2002 from Eberhard Kornfeld, Galerie Kornfeld]; venduto tramite Gutekunst und Klipstein a Morton D. May (morto il 1983), St. Louis, Missouri il 12 novembre 1956.
  • Morton D. May, 1956 - 1970.
  • Collezione Regis, München 1984.
  • Richard Feigen and Co., New York, 1988.

Mostre:

  • München, Galerie Günther Franke, Max Beckman - Ausstellung, 3 - 27 luglio 1930, n. 14, titolato Liegende Frau.
  • Basel, Kunsthalle Basel, Max Beckmann: Das Gesamte Werk, 3 - 31 agosto 1930, n. 85, titolato Liegende Frau.
  • Paris, Galerie de la Renaissance, Max Beckmann, 16 marzo - 15 aprile 1931, n. 27, titolato Nu couché.
  • Brussels, Galerie “Le Centaure,” Exposition Max Beckmann, maggio 16 - 28, 1931, n. 13, titolato Nu couché.
  • München, Galerie Günther Franke, Max Beckmann: 75 Gemälde einschliesslich der Amsterdamer Zeit, 21 giugno - 20 agosto 1946, n. 59.
  • München, Haus der Kunst, Max Beckmann zum Gedächtnis. 1884 - 1950, 1951, n. 73, titolato Liegender Akt.
  • Braunschweig, Germany, Kunstverein Stadtisches Museum und Haus Salve Hospes, Max Beckmann, 1884 - 1950, 25 ottobre - 22 novembre 1953, n. 41 titolato Liegender Akt; mostra allestita successivamente a Bremen, Germany, Kunsthalle, 29 novembre 1953 - 3 gennaio 1954.
  • Kunsthaus Zürich, Max Beckmann, 22 novembre 1955 - 8 gennaio 1956, n. 46, titolato Liegender Akt.
  • Kunsthalle Basel, Ausstellung Max Beckmann, 14 gennaio - 12 febbraio 1956, n. 39, titolato Liegender Akt.
  • Gemeentemuseum Den Haag, Max Beckmann, 14 marzo - 7 maggio 1956, n. 33, titolato Liggend naakt.
  • St. Louis, Pius XII Memorial Library, St. Louis University, Paintings from the Collection of Mr. and Mrs. Morton D. May, febbraio 14 - luglio 4, 1960, n. 49 (illustrato) titolato Lying Nude.
  • Denver, The Denver Art Museum, German Expressionist Paintings from the Collection of Mr. and Mrs. Morton D. May, 1960, n. 57 titolato Lying Nude; mostra allestita successivamente a Los Angeles, University of California, 8 gennaio - 19 febbraio 1961; San Francisco, M.H. De Young Memorial Museum, 1961; Chicago, The Art Institute, 11 agosto - 24 settembre 1961; Youngstown, Penn., Butler Institute of American Art, 1962; Akron, Ohio, Akron Art Institute, 1962; Pittsburgh, Carnegie Institute, 1962; Washington D.C., Corcoran Gallery of Art, giugno 1962; Baltimore Museum of Art, 1962.
  • Boston, Museum of Fine Arts, Max Beckmann, 1 ottobre - 15 novembre 1964, n. 31; mostra allestita successivamente a New York, Museum of Modern Art, 14 dicembre 1964 - 31 gennaio 1965; Chicago, The Art Institute, 12 marzo - 11 aprile 1965.
  • Hamburg, Kunstverein, Max Beckmann, 15 maggio - 11 luglio 1965, n. 29 titolato Liegender Akt; mostra allestita successivamente a Frankfurt, Frankfurter Kunstverein, 17 luglio - 5 settembre 1965.
  • Tate Gallery, London, Max Beckmann, 1884 - 1950, 1 ottobre - 7 novembre 1965, n. 29, titolato Reclining Nude.
  • Museé National d’Art Moderne, Paris, Max Beckmann, 25 settembre - 28 ottobre 1968, n. 43; mostra allestita successivamente a Haus der Kunst, München, 9 novembre 1968 - 6 gennaio 1969, n. 40 e Palais des Beaux - Arts, Brussels, 16 gennaio - 2 marzo 1969.
  • New York, Marlborough - Gerson Gallery Inc., The Morton D. May Collection of 20th Century German Masters, gennaio - febbraio 1970, p. 51 (illustrato), n. 15, titolato Liegender Akt 1929 Lying Nude; mostra allestita successivamente al City Art Museum of St. Louis, luglio - agosto 1970.
  • London, Marlborough Fine Art Ltd., Max Beckmann: A Small Loan Retrospective of Paintings, Centered Around his Visit to London in 1938, novembre 1974, n. 13 (illustrato in copertina), titolato Liegender Akt 1929 Reclining Nude; mostra allestita successivamente a New York, Marlborough Gallery Inc., marzo 1975.
  • New York, Wildenstein & Co., The Artist and His World: Portraits and Self-Portraits, 20 ottobre - 27 novembre 1976.
  • München, Haus der Kunst, Max Beckmann - Retrospective, 25 febbraio - 23 aprile 1984, n. 59, p. 245 (illustrato), catalogo di Carla Schulz, Judith C. Weiss et. al.; mostra allestita successivamente a Berlin, Nationalgalerie, 18 maggio 18 - 29 luglio 1984; St. Louis, St. Louis Art Museum, 7 settembre - 4 novembre 1984; Los Angeles, Los Angeles County Museum of Art, 9 dicembre 1984 - 3 febbraio 1985.
  • Leipzig, Germany, Museum der Bildenden Kunst, 20 luglio - 23 settembre 1990.
  • Tokyo, ASAHI Shimbun, Masterworks of Modern Art from The Art Institute of Chicago, n. 39, pp. 126 - 7 (illustrato); mostra allestita successivamente a Nagaoka, Niigata Prefectural Museum of Modern Art, 20 aprile 1994 - 29 maggio 1995; Nagoya, Aichi Prefectural Museum of Art, 10 giugno - 24 luglio 1994: Yokohama Museum of Art, 6 agosto 1994 - 25 settembre 1994. n. 39, pp. 126 - 7 (illustrato).
  • New York, The Solomon R. Guggenheim Museum, Max Beckmann in Exile, 9 ottobre 1996 - 5 gennaio 1997.
  • Zürich, Kunsthaus, Max Beckmann and Paris, 25 settembre 1998 - 3 gennaio 1999, n. 15, p. 20 (illustrato), catalogo a cura di Tobia Bezzola, Cornelia Homburg; mostra allestita successivamente a St. Louis Art Museum, 6 febbraio - 9 maggio 1999.
  • Paris, Centre Georges Pompidou, Max Beckmann, 10 settembre 2002 - 7 gennaio 2003; mostra allestita successivamente a London, Tate Modern, 15 febbraio - 5 maggio 2003; New York, Museum of Modern Art, 25 giugno - 20 settembre 2003.

Bibliografia:

  • J. B. Neumann e G. Franke, a cura di, Max Beckmann, The Artlover Library (New York e München, 1931), vol. 1, p. 30.
  • Herbert Read, Art Now: An Introduction to the Theory of Modern Painting and Sculpture, London, 1936, tav. 14, titolato Nude.
  • Franz Roh, Max Beckmann, München, Verlag Kurt Desch München, 1946, p. 3, titolato Liegende.
  • Benno Reifenberg and Wilhelm Hausenstein, Max Beckmann, München, 1949, p. 72, n. 280, titolato Liegender Akt.
  • Curt Seckel, Maßstäbe der Kunst im 20. Jahrhundert, Düsseldorf: Econ - Verlag, 1967, titolato Liegender Akt.
  • Erhard Göpel and Barbara Göpel, Max Beckmann: Katalog der Gemälde, voll. 1 e 2 (Bern, 1976), pp. 222 - 23, n. 308, fig. 108.

Commento:

Anche se spesso associata al movimento espressionista tedesco, la produzione artistica di Max Beckmann è molto individualista e sfugge a una rigida categorizzazione.
Mentre Beckmann aveva in precedenza criticato le avanguardie francesi, a partire dalla metà degli anni Venti, inizia ad identificarsi con gli artisti che lavorano nel mondo dell'arte parigina. Frequenti sono le sue visite in città e le sue opere cominciano a mostrare affinità stilistiche con quella di artisti come Henri Matisse, Pablo Picasso e Georges Rouault.
Nudo sdraiato ricorda la lunga tradizione di associare il corpo femminile agli ideali di bellezza senza tempo. La natura cruda della posa della modella e la forma distorta, tuttavia, sono aggiornamenti più moderni di questa idea classica.


Though often associated with the German Expressionist movement, Max Beckmann’s artistic production was highly individualistic and eludes strict categorization.
While Beckmann had earlier criticized the French avant-garde, by the mid-1920s, he began to identify with artists working in the Parisian art world. He made frequent visits to the city, and his work began to show stylistic affinities with that by artists like Henri Matisse, Pablo Picasso, and Georges Rouault.
Reclining Nude recalls the long-standing tradition of associating the female body with the timeless ideals of beauty. The stark nature of the model’s pose and distorted form, however, are more modern updates on this classical idea.

(fonte: Art Institute of Chicago)