Nudo con cappello [recto] | Ritratto di Maud Abrantès [verso]

Modigliani, Nudo con cappello [recto].jpg
Modigliani, Maud Abrantes [verso].jpg
Autore: 
Modigliani, Amedeo (1884-1920)
Titolo: 
Nudo con cappello [recto] | Ritratto di Maud Abrantès [verso]
Altri titoli: 
Nu au chapeau
Nude with a hat
Portrait de Maud Abrantès
Portrait of Maud Abrantes
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1908)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
80,6 x 50,1
Luogo di conservazione: 
Hecht Museum, University of Haifa, Haifa, Israel
Acquisizione: 
Acquistato a Londra, settembre 1983

Provenienza:

  • Collezione privata, Parigi.

Mostre:

  • Modigliani, Cleveland Museum of Art, Cleveland, Ohio, 1951.
  • Modigliani, MoMA - Museum of Modern Art, New York, NY, 1951.

Bibliografia:

  • A. Pfannstiel, Modigliani, Parigi, 1929.
  • A. Pfannstiel, Modigliani et son oeuvre – catalogue raisonné, Parigi, 1956, p. 58, n. 6.

Commento:

Questo Ritratto di Maud Abrantes a mezzo busto è uno dei primi dipinti di Modigliani, molti dei quali o sono andati perduti o non sono facilmente accessibili, e, come la maggior parte di loro, non è firmato. Il ritratto è dipinto sul retro di un precedente, leggermente più grande schizzo a olio di una giovane donna nuda, seduta, che porta un grande cappello. Maud Abrantes è stata amica sia di Modigliani che di Paul Alexander, che l'ha identificata come la modella nel primo catalogo dell'opera dell'artista. Il dipinto ha una qualità ossessionante. Il volto emerge da onde blu-lilla e giallo-arancio, che creano un'atmosfera elegante, ma inquietante. Il viso è così pallido che sembra essere senza sangue, gli occhi sono chiusi, come per qualche dolore segreto, e la sensualità eccessivamente esagerata delle labbra le fa apparire viziose. Le ombre lilla intorno agli occhi e la macchia di colore blu sull'occhio destro aggiungono un'espressione di ansia e tormento, creando una dissonanza tra moralità soppressa e sensualità morbosa. Il ritratto, anche se raffigurante una ragazza particolare, è in realtà un'immagine idealizzata. Questo ritratto di Maud Abrantes è stata fatto prima che l'artista avesse raggiunto il suo stile maturo. Il processo di ricerca e di sperimentazione ha provocato un'immagine espressiva e drammatica.

Lo schizzo a olio di una giovane donna nuda, mostrato dalla vita in su, è eseguito sul recto della tela, sul verso della quale c'è il ritratto di Maud Abrantes. La modella è stata probabilmente la stessa utilizzata per La Juive (L'ebrea), esibito in una collettiva a Parigi nel 1908 (n. 9 del catalogo ragionato delle opere di Modigliani redatto da Ambrogio Ceroni). Una modella particolare viene trasformata dal pittore nell'immagine di una femme fatale in stile Art Nouveau. Il disegno è forte e determinato: busto e braccia della giovane donna sono indicati in maniera approssimativa, e, quindi, l'attenzione dello spettatore si concentra sul viso, con occhi e sopracciglia ben disegnate, naso ricurvo, bocca eccessivamente esagerata con labbra rosse e mento potente. I capelli e il cappello sono dipinti in massa, come se un leggermente lavato questo lavoro mutua pesantemente dall'arte africana. Le forme distorte e la scultura delle labbra sono in debito con la tradizione grafica della scultura africana. Altre caratteristiche come la composizione in diagonale, l'elaborazione dello spazio negativo intorno alla figura, gli occhi socchiusi, e il generale aspetto morboso fa parte della concezione Art Nouveau e Secession.

(fonte: Hecht Museum, Haifa, Israel)

«Il catalogo "Museo Hecht, la collezione d'arte" di Lydia Gurov (ed. Ester Levinger) è stato pubblicato nel 1999. In questo catalogo nulla è stato scritto riguardo al fatto che il Ritratto di Maud Abrantes sul verso è stato dipinto capovolto rispetto al Nudo con cappello sul recto della stessa tela.
Diversi anni dopo, intorno al 2002, il mistero è stato risolto. Ho notato un altro ritratto di donna nella zona tra il collo e il petto di Maud: un occhio acuto può scorgere il contorno degli occhi, sopracciglia, naso, bocca, il contorno del viso e un cappello da donna.Modigliani, Nudo con cappello_Maud Abrantes.png
Si scopre che Modigliani dipinse il ritratto di questa donna misteriosa e nascosta prima di dipingere il ritratto di Maud Abrantes. Decise di non tenere questo dipinto e lo nascose con pennellate di colore. Ma non basta: capovolse anche la tela e cominciò a dipingere un nuovo ritratto, questo di Maud Abrantes, sulla parte più pulita e più chiara della tela.
La mia frustrazione per la mancaza di riguardo di Modigliani verso gli spettatori costretti a vedere uno dei dipinti capovolto si è trasformata nella gioia di chi scopre un tesoro.»

(fonte: Ofra Guri-Rimon, Direttore e curatore dell'Hecht Museum, University of Haifa)