Leggendo il ’Fanfulla’

Vittorio Matteo Corcos, Leggendo il "Fanfulla"
Autore: 
Corcos, Vittorio Matteo (1859-1933)
Titolo: 
Leggendo il ’Fanfulla’
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
1887
Classificazione: 
Disegno
Tecnica e materiali: 
Pastello su carta
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
61,5 x 51
Annotazioni: 
Firma e data in basso a destra: V. Corcos 87
Luogo di conservazione: 
Collezione privata

Provenienza:

  • Bologna, Galleria Giordani.
  • Bologna, Collezione privata.

Mostre:

  • Corcos. I sogni della Belle Époque, Palazzo Zabarella, Padova, 2014.
  • Dai Macchiaioli ai Divisionisti. Grandi Protagonisti nella Pittura Italiana dell’800, Enrico • Gallerie d'Arte, Firenze, Palazzo Corsini, 26 Settembre - 4 Ottobre 2015 | Milano, 9 Ottobre - 19 Dicembre 2015, n. 19.
  • Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini, Novara, Castello Visconteo Sforzesco, 20 ottobre 2018 - 24 febbraio 2019.

Bibliografia:

  • I. Taddei, F. Mazzocca e C. Sisi, Corcos. I sogni della Belle Époque, Venezia, 2014, num. 51, pag. 107.
  • Angelo Enrico (a cura di), Dai Macchiaioli ai Divisionisti. Grandi Protagonisti nella Pittura Italiana dell’800, catalogo della mostra, Enrico • Gallerie d'Arte 2015.

Note:

Nato a Livorno e formatosi prima a Firenze e poi a Napoli, nel 1880 Vittorio Corcos si trasferisce, su consiglio di Domenico Morelli, a Parigi, dove rimarrà fino al 1886. Nella capitale francese ha modo di entrare in contatto con vari artisti, fra cui i connazionali Giovanni Boldini e Giuseppe De Nittis, e di legarsi per quindici anni con contratto al mercante Adolphe Goupil, dedicandosi con successo a una produzione pittorica alla moda e di immediata comprensione.
Stabilitosi a Firenze, nel 1887 il pittore realizza il pastello Leggendo il “Fanfulla”, dedicato al tema della lettura, argomento che interesserà l’autore anche in seguito. Negli anni successivi, infatti, la moglie, Emma Ciabatti, sposata proprio nell’anno di realizzazione dell’opera qui studiata, lo introdurrà nel vivace ambiente culturale della rivista fiorentina “Il Marzocco”, testata con la quale collaborano numerosi scrittori tra cui Gabriele d’Annunzio e Giovanni Pascoli. Influenzato dalla frequentazione di questo cenacolo, Corcos più volte sceglierà come soggetti dei propri dipinti giovani lettori, immersi nelle pagine di un libro o che lo hanno appena abbandonato per fantasticare a occhi aperti (Sogni, 1896; In lettura sul mare, 1910 circa).
Nell’opera presentata, tre donne elegantemente vestite e con acconciature ricercate, sono raccolte intorno al “Fanfulla”, quotidiano molto in voga negli ultimi decenni del XIX secolo, edito a partire dal 1870, prima a Firenze e successivamente a Roma. La scena, da annoverare tra le composizioni corali che l’autore ambienta in contesti domestici, si svolge in un salotto di una casa borghese caratterizzato da un sofisticato arredamento. Sono individuabili una poltrona e due sedie Luigi Filippo rivestite con stoffe pregiate, un tappeto con motivi geometrici, un tavolino, sopra il quale trova posto una cesta di fiori variopinti, e, sulla parete nella penombra, un quadro raffigurante un paesaggio inserito in una ricca cornice dorata. L’espressione attenta delle protagoniste, ognuna delle quali colta da una differente angolazione, non consente di comprendere lo stato d’animo suscitato dalle notizie lette.
La resa pittorica, considerata anche la tecnica scelta, è meno levigata e nitida rispetto alle opere a olio. Pur mantenendo inalterata una grande attenzione per i dettagli – come per esempio l’ombrello appoggiato sulla sedia e gli occhialini di una delle donne -, l’insieme risulta più morbido e sfumato, restituendo la genuina impressione di un’istantanea. La cromia è accordata su una vasta gamma di gialli e di blu che movimentano uno sfondo piuttosto scuro e uniforme, dal quale non si discostano nemmeno gli abiti severi delle tre signore. Al centro spiccano il nastro rosso legato al collo di una delle donne e il candore delle pagine del giornale.

(fonte: Giuditta Lojacono - Scheda nel catalogo della mostra Dai Macchiaioli ai Divisionisti. Grandi Protagonisti nella Pittura Italiana dell’800)