Le zucche

Tommasi Adolfo, Le zucche
Autore: 
Tommasi, Adolfo (1851-1933)
Titolo: 
Le zucche
Altri titoli: 
Contadinello che dorme
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1890 circa)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
82 x 55
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: Adolfo Tommasi
Luogo di conservazione: 
Collezione privata

Provenienza:

  • Vendita, Finarte Casa d'aste, Firenze, 27 maggio 2006, lotto 276.
  • Vendita, Sotheby's, Milano, asta MI0293, 18 giugno 2008, lotto 87, venduto per €25.950,00.

Mostre:

  • Seravezza, Alla ricerca dell'Eden: il paesaggio della Versilia nella pittura italiana fra Otto e Novecento, 1999, n. 97, illustrato a colori (con il titolo Contadinello che dorme - Le zucche).

Note storico critiche:

Dopo aver frequentato l'Accademia di Firenze sotto la guida di Carlo Markò il giovane, Adolfo Tommasi conobbe Lega ed entrò a far parte della cerchia di Fattori e Signorini, dedicandosi allo studio dal vero del paesaggio toscano e intensificando via via la propria tavolozza. Esempio della raggiunta maturità artistica del pittore è Le zucche, in cui le ruvide assi di legno del capanno fungono da sipario tra il primo piano con il contadinello addormentato e il folto del bosco, a cui conduce un sentiero ombroso, ma penetrato da improvvisi tocchi di luce. Le larghe foglie carnose sul terreno ricordano quelle del celebre Ore calde, dove un'analoga impostazione prospettica spinge l'osservatore all'interno del dipinto lungo la linea obliqua tracciata dal pesante carro che avanza con lentezza, oppresso dal solleone.