Le rondinelle

Manet, Le rondinelle.jpg
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
Le rondinelle
Altri titoli: 
Les hirondelles
Die Schwalben
The swallows
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1873)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
65 x 81
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: Manet
Luogo di conservazione: 
Stiftung Sammlung E. G. Bührle | Foundation E. G. Bührle Collection, Zürich, Schweiz
Acquisizione: 
Dono degli eredi di Emil Bührle, 1960
Identificativo: 
59

Commento:

L'estate del 1873 Manet può partire con la sua famiglia per Berck-sur-Mer, senza preoccupazione, Durand-Ruel gli aveva comprato l'anno precedente ventinove dipinti. A maggio aveva anche ottenuto un grande successo con il Bon bock al Salon. Rimane a Berck fino a settembre e dipinge undici quadri. Con incredibile facilità dipinge la vita dei marinai, delle marine e la vita di spiaggia, come Boudin per primo aveva fatto. Tutte queste opere si distinguono per una grandissima sicurezza del disegno. La tela più grande e più importante di questo gruppo è Le rondinelle. Un legame unico esiste qui tra essere umano e natura. La madre dell'artista, in nero, e sua moglie, in bianco, vengono ritratte in un prato dietro le dune, i loro abiti si allargano intorno a loro ed i loro cappelli sono trattenuti da una veletta. Non molto tempo prima, il sole splendeva ancora, ma il cielo si copre; la moglie dell'artista tiene ancora aperto il suo ombrellino, appoggiato sulle gambe, mentre le rondini che volano basse annunciano il cambiamento del tempo. Tutta questa scena non ha nulla di narrativo, essa è l'espressione di un'atmosfera, di un paesaggio, con i mulini a vento, la chiesetta ed i tetti all'orizzonte. Al suo ritorno a Parigi Manet trova un acquirente per il quadro, cosa che non impedisce al Salon del 1874 di rifiutarlo. La giuria non riusciva ad abituarsi al carattere avvincente di una tale pittura. Un poeta sconosciuto a quel tempo, Stephane Mallarmé, protesta sul Renaissance littéraire et artistique del 12 aprile 1874, contro il rifiuto de Le rondini. Egli si mostra singolarmente perspicace quando scrive: "È questa un'opera 'non finita', quando tutti i suoi componenti sono in armonia e quando essa ha un fascino che avrebbe potuto essere distrutto con l'aggiunta di un elemento minore? ".

(fonte: Stiftung Sammlung E. G. Bührle)

Provenienza:

  • Albert Hecht, Parigi, acquistato dall'artista, novembre 1873.
  • Madame A. Hecht, Parigi, dal 1902 fino ad almeno il 1936.
  • Georges Wildenstein, Paris.
  • Emil Bührle, Zurich, acquistato da Wildenstein, 4 agosto 1953-28 novembre 1956.
  • Donazione degli eredi di Emil Bührle alla Foundation E.G. Bührle Collection, Zurich, no. 59 (1960).

Mostre:

  • Exposition des oeuvres de Edouard Manet, Ecole nationale des Beaux-Arts, Paris 1884, n. 63.
  • Exposition Manet 1832–1883, Orangerie des Tuileries, Paris 1932, n. 52.
  • Exhibition of Masters of French 19th Century Painting, New Burlington Galleries, London 1936, n. 39.
  • Edouard Manet und die Impressionisten, Staatsgalerie Stuttgart 2002–03, n. 31.
  • Manet, Complesso del Vittoriano, Roma 2005–06, n. 97.
  • Manet et le Paris moderne, Mitsubishi Ichigokan Museum, Tokyo 2010, n. II-7.

Bibliografia:

  • Stéphane Mallarmé, "Le jury de peinture pour 1874 et Monsieur Manet", in La Renaissance artistique et littéraire (12 Aprile) 1874, pp. 155–157 (St. M., OEuvres complets, Paris 1945, pp. 697–698).
  • Edmond Bazire, Manet, Paris 1884, pp. 70–71.
  • Théodore Duret, "Manet et les impressionnistes", in Histoire du paysage en France, Paris 1908, p. 308.
  • Théodore Duret, Histoire d'Edouard Manet et de son oeuvre, Avec un catalogue des peintures et des pastels, Paris 1902, n. 150 (21909, 31919, 41926; edizione tedesca: Edouard Manet, Sein Leben und seine Kunst, Berlin 1910; edizione inglese: Manet and the French Impressionists, London & Philadelphia 1910, p. 233, n. 150; 2009).
  • Jacques-Emile Blanche, Manet, Paris 1924, p. 42 (edizione inglese: London & New York 1925).
  • Etienne Moreau-Nélaton, Manet raconté par lui-même, Paris 1926, vol. 2, pp. 5–6, 11, 129, fig. 172, 345.
  • Paul Jamot, "Etudes sur Manet", in Gazette des Beaux-Arts (69) 1927, p. 385, illustrato
  • Adolphe Tabarant, Manet, Histoire catalographique, Paris 1931, n. 189.
  • Paul Jamot, Georges Wildenstein, Manet, Paris 1932, vol. 1, n. 230; vol. 2, fig. 374.
  • Michel Florisoone, Manet, Monaco 1947, p. XXIX.
  • Adolphe Tabarant, Manet et ses oeuvres, Paris 1947, pp. 216, 241, 244, 491, fig. 199.
  • Maurice Bex, Manet, Paris 1948, fig. 68.
  • George Heard Hamilton, Manet and His Critics, New Haven & London 1954, pp. 172, 175, 182–184, 265, fig. 24 (New York 1969 ; New Haven & London 1986).
  • Pierre Courthion, Ed. Manet, Köln 1962, fig. 40.
  • Sandra Orienti, Marcello Venturi, L'opera pittorica di Edouard Manet, Milano 1967, n. 169 (illustrato; edizione inglese: Sandra Orienti, Phoebe Pool, The Complete Paintings of Manet, New York 1967; edizione tedesca: Das gemalte Werk von Edouard Manet, Lucerne etc. 1967; edizione francese: Denis Rouart, Sandra Orienti, Tout l'oeuvre peint d'Edouard Manet, Paris 1970).
  • Germain Bazin, Edouard Manet, Milano 1972, p. 79 (illustrato; edizione francese: Paris 1974).
  • Denis Rouart, Daniel Wildenstein, Edouard Manet, Catalogue raisonné, Lausanne & Paris 1975, vol. 1, Peintures, n. 190, illustrato.
  • Sophie Monneret, L'Impressionnisme et son époque, Dictionnaire international illustré, vol. 2, Paris 1979, p. 20.
  • Manet 1832–1883, (catalogo della mostra) Grand Palais, Paris; Metropolitan Museum of Art, New York 1983, p. 345.
  • Robert L. Herbert, Impressionism, Art, Leisure, and Parisian Society, New Haven & London 1988, p. 277–278, fig. 282.
  • Françoise Cachin, Manet, London 1991, p. 152, n. 8 (edizione tedesca: Köln).
  • Eric Darragon, Manet, Paris 1991, pp. 230, 241, fig. 156.
  • Juliet Wilson-Bareau, Manet by Himself, Correspondence & Conversation, Paintings, Pastels, Prints & Drawings, London & Sidney 1991, p. 310, fig. 123 (New York 1995; 2004).
  • Michael Fried, Manet's Modernism, or the Face of Painting, Chicago & London 1996, p. 617, n. 18 (edizione francese: Le modernisme de Manet, ou Le visage dans la peinture des années 1860, Paris 2000, p. 390, n. 19).
  • Eugène Boudin (1824–1889), Impressionist der ersten Stunde, (catalogo della mostra) Museum Langmatt, Baden etc. 2000, p. 31, illustrato
  • Nancy Locke, Manet and the Family Romance, Princeton & Oxford 2001, p. 54, fig. 17 (2002).
  • Gilles Néret, Edouard Manet 1832–1883, The First of the Moderns, Köln 2003, p. 61 (illustrato, dettaglio; edizione tedesca: Edouard Manet 1832–1883, Vorreiter der Moderne; edizione spagnola: Edouard Manet 1832– 1883, El primero de los modernos).
  • John House, Impressionism, Paint and Politics, New Haven & London 2004, p. 61, fig. 47.
  • Turner e gli impressionisti, La grande storia del paesaggio moderno in Europa, (catalogo della mostra) Museo di Santa Giulia, Brescia 2006–07, p. 465.
  • Richard R. Brettell, Stephen F. Eisenman, Nineteenth-Century Art in the Norton Simon Museum, vol. 1, New Haven & London 2006, p. 212, fig. 56A.
  • Ross King, The Judgement of Paris, The Revolutionary Decade that Gave the World Impressionism, London & New York 2006 (edizione tedesca: Zum Frühstück ins Freie, Manet, Monet und die Ursprünge der modernen Malerei, Munich 2007, p. 442).
  • James H. Rubin, Manet Initial M, Hand and Eye, Paris 2011, pp. 284, 288, n. 131 (illustrato; edizione francese: Manet, Initiale M, L'oeil, une main).