Lago Maggiore

Eugenio Gignous, Lago Maggiore
Autore: 
Gignous, Eugenio (1850-1906)
Titolo: 
Lago Maggiore
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
non datato (1900)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
60 x 90
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: E. Gignous
Luogo di conservazione: 
Collezione Cornèr Banca, Lugano, Svizzera

Note:

Figlio di un facoltoso commerciante di seta, il giovane manifestò precoce interesse per la pittura tanto da convincere il padre a permettergli di frequentare l’Accademia di Brera dove restò sino al 1870, ottenendo numerosi premi. La frequentazione precoce del gruppo scapigliato segnò il giovane Gignous ben più degli insegnamenti accademici; concentratosi sulla pittura di paesaggio sperimentata en plein air nel corso di lunghi soggiorni nelle campagne lombarda e piemontese, egli propose con regolarità le sue tele alle maggiori esposizioni nazionali e internazionali. Negli ultimi anni Settanta iniziò a frequentare assiduamente Filippo Carcano che lo condusse sul lago Maggiore; nel 1879 espose a Brera per la prima volta una veduta del lago.

Dalla metà degli anni Ottanta, Gignous venne considerato uno dei capiscuola della pittura lombarda contemporanea; la sua pittura all’aria aperta, la forte impronta luministica e la piacevolezza dei soggetti più volte replicati lo fecero identificare come ‘pittore del lago’. Si vedano in tal senso le sue opere mature, come questa in Collezione, caratterizzate da una pennellata più larga e sempre meno descrittiva – come nelle magistrali macchie d’ombra sul bianco calcinato del muretto – e da un uso strumentale della materia-colore. Né l’artista dimenticava di sottolineare l’aderenza al vero della veduta, tracciando i segni dei cavi elettrici attraverso il cielo.

(fonte: Cornèr Banca)