La toilette

Manet, La toilette | Die toilette | The toilet
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
La toilette
Altri titoli: 
Die Toilette
The toilette
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1880 circa)
Classificazione: 
Disegno
Tecnica e materiali: 
Pastello su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
55,5 x 46
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: E. M.
Luogo di conservazione: 
Stiftung Sammlung E. G. Bührle | Foundation E. G. Bührle Collection, Zürich, Schweiz
Acquisizione: 
Dono degli eredi di Emil Bührle, 1960
Identificativo: 
65

Commento:

Solo poco prima del 1880 il pastello appare nell'opera di Manet per degli studi preparatori per opere più grandi. Nel ritratto della moglie sul divano blu, conservato al Louvre, egli ha acquisito una grande padronanza. Dal 1879, il pastello gioca un ruolo sempre più importante nel suo lavoro. Durante gli ultimi anni della sua vita crea più di ottanta pastelli. Per l'artista, debilitato dalla malattia, le matite sono più facili da maneggiare e sono l'ideale per gli eleganti studi di giovani donne, i pastelli di uomini sono meno numerosi. Per qualche pastello di nudo femminile di questi ultimi anni, soprattutto per le bagnanti in un interno, si può ipotizzare un'influenza di Degas.

(fonte: Stiftung Sammlung E. G. Bührle)

Provenienza:

  • Vendita successione Manet, Hôtel Drouot, Parigi, 4-5 febbraio 1884, n. 98.
  • Madame Edmond Bérend de Buffey, Parigi, acquistato nella vendita Manet, 1884.
  • Durand-Ruel, Paris; Bernheim-Jeune, Paris.
  • Monsieur Guyon, Paris.
  • Alphonse Kann, St-Germain-en-Laye, dal 1932.
  • Confiscato dall'Einsatzstab Reichsleiter Rosenberg, Paris e consegnato ad Hermann Göring da Walter Andreas Hofer, 12 luglio 1941.
  • Galerie Fischer, Lucerne, acquisito in cambio di altre opere d'arte, 22 ottobre 1941.
  • Acquistato da Emil Bührle, Zürich, 18 aprile 1942.
  • Restituito ad Alphonse Kann, Londra, 5 luglio 1948.
  • Emil Bührle, Zürich, riacquistato dagli eredi di Alphonse Kann [m. 1948], 3 febbraio 1951-28 novembre 1956.
  • Donazione degli eredi di Emil Bührle alla Foundation E.G. Bührle Collection, Zürich, n. 65, 1960.

Mostre:

  • Galerie de la Gazette La Vie moderne, Bvd. des Italiens, Paris 1880.
  • Exposition d'oeuvres de Manet au profit des "Amis du Luxembourg", Galerie Bernheim-Jeune, Paris 1928, n. 14.
  • Edouard Manet und die Impressionisten, Staatsgalerie Stuttgart 2002-03, n. 63.
  • Manet, Complesso del Vittoriano, Roma 2005-06, n. 112.
  • Eros in der Kunst der Moderne, Fondation Beyeler, Riehen 2006-07, p. 27; Kunstforum Vienna 2007, p. 25.
  • Baden, Museum Langmatt, Baden 2011, p. 67.

Bibliografia:

  • Théodore Duret, Histoire d'Edouard Manet et de son oeuvre, Avec un catalogue des peintures et des pastels, Paris 1902, (Pastels) n. 62 (21909, 31919, 41926; edizione tedesca: Edouard Manet, Sein Leben und seine Kunst, Berlin 1910; edizione inglese: Manet and the French Impressionists, London & Philadelphia 1910; 22009).
  • Julius Meier-Graefe, Edouard Manet, Munich 1912, p. 326.
  • Etienne Moreau-Nélaton, Manet raconté par lui-même, Paris 1926, vol. 2, p. 68, fig. 273.
  • Paul Fierens, "Edouard Manet", in L'Art et les artistes (n. 110) 1930, p. 16, illustrato.
  • Adolphe Tabarant, Manet, Histoire catalographique, Paris 1931, Pastels n. 10.
  • Paul Jamot, Georges Wildenstein, Manet, Paris 1932, vol. 1, n. 421; vol. 2, fig. 238.
  • René Huyghes, "Manet peintre", in L'Amour de l'art (13) 1932, fig. 74.
  • Paul Fierens, "Edouard Manet", in L'art et les artistes (n. 110) 1930, p. 11, illustrato.
  • Robert Rey, Manet, Paris 1938, p. 148, illustrato.
  • Gotthard Jedlicka, Edouard Manet, Erlenbach/Zürich 1941, pp. 347, 351, ill., 411 (n. 25).
  • Michel Florisoone, Manet, Monaco 1947, p. 78, ill.
  • Adolphe Tabarant, Manet et ses oeuvres, Paris 1947, p. 321, fig. 463.
  • Sandra Orienti, Marcello Venturi, L'opera pittorica di Edouard Manet, Milano 1967, fig. 62, n. 244 (illustrato; edizione inglese: Sandra Orienti, Phoebe Pool, The Complete Paintings of Manet, New York 1967; edizione tedesca: Das gemalte Werk von Edouard Manet, Lucerne etc. 1967, fig. 64; edizione francese: Denis Rouart, Sandra Orienti, Tout l'oeuvre peint d'Edouard Manet, Paris 1970, fig. 54, n. 245 [illustrato]).
  • Merete Bodelsen, "Early Impressionist Sales 1874-1894 in the light of some unpublished ‘procès-verbaux’", in Burlington Magazine (110) 1968, p. 342, n. p. v. 25.
  • Denis Rouart, Daniel Wildenstein, Edouard Manet, Catalogue raisonné, Lausanne & Paris 1975, vol. 2, Pastels, aquarelles et dessins, n. 25, illustrato.
  • Esther Tisa Francini etc., Fluchtgut, Raubgut, Der Transfer von Kulturgütern in und über die Schweiz 1933-1945 und die Frage der Restitution, Unabhängige Expertenkommission Schweiz-Zweiter Weltkrieg (ed.), Zürich 2001, pp. 106 (n. 267), 286 (n. *1), 509.
  • Sidel Maria Søndergaard, Tea Baark Mairey, "Like a Quivering between Things", in Women in Impressionism, From Mythical Feminine to Modern Woman, (catalogo della mostra) Ny Carlsberg Glyptotek, Copenhagen 2006-07, p. 255, fig. 223.