Il piffero

Manet, Il piffero.jpg
Manet, Il piffero [cornice].jpg
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
Il piffero
Altri titoli: 
Le fifre
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1866)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
161 x 97 (supporto)
198,5 x 135,5 (con cornice)
Annotazioni: 
Firma in basso a destra: Manet
Luogo di conservazione: 
Musée d′Orsay, Paris, France
Acquisizione: 
Lascito del conte Isaac de Camondo, 1911
Identificativo: 
RF 1992

Commento:

Manet, che aveva indirizzato il suo talento verso forme e soggetti ispanizzanti, scopre soltanto tardivamente, nel 1865, la Spagna ed il museo del Prado. Il quadro Pablo de Valladolid di Velasquez lo colpisce a tal punto che così confida all'amico Fantin-Latour: "[è] la più sorprendente opera pittorica che sia mai stata fatta... Lo sfondo scompare: è l'aria che circonda questo buffone di corte, interamente vestito di nero e dall'aspetto gioviale".
Di ritorno a Parigi, Manet applica questi principi ad un soggetto contemporaneo. Un semplice ed anonimo bambino di una banda viene dunque raffigurato come il grande comico spagnolo. Manet, non solo rivoluziona le gerarchie della rappresentazione ma accompagna anche questa scelta con un linguaggio audacemente semplificato. Il pittore ricorre a colori uniformi e piatti, perfettamente nitidi per quanto concerne i neri, con qualche effetto di modellato nella carnagione e nella custodia dello strumento, a strati densi nei bianchi che sottolineano le pieghe dei tessuti. La tavolozza dei colori è ridotta all'essenziale, lo spazio è privo di profondità. Si distingue a malapena il confine tra il piano orizzontale del pavimento e quello verticale dello sfondo, colorato con un grigio uniforme con pochissime sfumature e totalmente spoglio.
L'opera rifiutata della giuria del Salon del 1866, sarà invece molto apprezzata da Zola che basa su di essa tutta la sua ammirazione nei confronti di Manet. Lo scrittore, infatti, inviduò nell'autenticità dell'argomento e dello stile, l'espressione di un sentimento propriamente moderno.

(fonte: Musée d'Orsay)

Provenienza:

  • Collezione Durand-Ruel, acquistato dall'artista, 1872-1873.
  • Collezione Jean-Baptiste Faure, 1873-1893.
  • Collezione Durand-Ruel, 1893-1894.
  • Collezione del conte Isaac de Camondo, Parigi, 1894-1911.
  • Lascito del conte Isaac de Camondo ai Musei nazionali per il Musée du Louvre, 1911.
  • Musée du Louvre, Parigi, 1911-1947 (esposto dal 1914).
  • Musée du Louvre, galerie du Jeu de Paume, Parigi, 1947-1986.
  • Musée d'Orsay, 1986.

Mostre:

  • Tableaux de M. Edouard Manet, Parigi, Francia, 1867.
  • Exposition des oeuvres de Edouard Manet, Parigi, Francia, 1884.
  • Works in Oil and Pastel by the Impressionists of Paris, New York, USA, 1886.
  • Exposition Universelle, Parigi, Francia, 1889.
  • Exposition Manet, 1832-1887, Parigi, Francia, 1932.
  • Chefs-d'oeuvre de la peinture, Parigi, Francia, 1945.
  • Emile Zola : exposition organisée pour le cinquantième anniversaire de sa mort, Parigi, Francia, 1952.
  • Hommage à Manet, Parigi, Francia, 1952.
  • Les tableaux impressionnistes des Musées français, San Pietroburgo, Federazione Russa, 1971.
  • Francuzskaja zivopis vtoroj poloviny XIX - nacala XX veka - proizvedenija impressionistov iz Muzeev Francii, Mosca, Federazione Russa, 1971.
  • Manet : 1832-1883, Parigi, Francia, 1983.
  • Manet, New York, USA, 1983.
  • Le Japonisme, Parigi, Francia, 1988.
  • Le Japonisme, Tokyo, Giappone, 1988.
  • Impressionnisme : les origines, 1859-1869, Parigi, Francia, 1994.
  • The origins of Impressionism, New York, USA, 1994.
  • De Manet à Gauguin. Impressionnisme et post-impressionnisme dans les collections du musée d'Orsay, Varsavia, Polonia, 2001.
  • De Manet à Gauguin. Impressionnisme et post-impressionnisme dans les collections du musée d'Orsay, Poznan, Polonia, 2001.
  • Od Maneta do Gauguina. Impresjonisci i postimpresjonisci z Musée d`Orsay, Cracovia, Polonia, 2001.
  • Manet Velasquez. La manière espagnole au XIXe siècle, Parigi, Francia, 2002.
  • Manet en el Prado, Madrid, Spagna, 2003.
  • Impressionism. Treasures from the National Collection of France, Pechino, Cina, 2004.
  • Impressionism. Treasures from the National Collection of France, Shanghai, Cina, 2004.
  • Impressionism. Treasures from the National Collection of France, Hong Kong, Cina, 2005.
  • De Millet à Bonnard. La création picturale dans les collections du musée d'Orsay (1848-1914), Seul, Corea, 2007.
  • Impresionismo : Un Nuevo Renacimiento, Madrid, Spagna, 2010.
  • Birth of impressionism. Masterpieces from the Musée d'Orsay, San Francisco, USA, 2010.
  • Manet, inventeur du Moderne, Parigi, Francia, 2011.

Bibliografia:

  • Jamot Paul, La collection Camondo au Musée du Louvre, les peintures et les dessins, Parigi, 1914.
  • Jamot Paul - Wildenstein Georges - Bataille Marie-Louise, Manet, catalogue critique, Parigi, 1932.
  • Tabarant Adolphe, Manet et ses oeuvres, Parigi, 1947.
  • Orienti Sandra, Tout l'oeuvre peint d'Édouard Manet, Parigi, 1970.
  • Rouart Denis - Wildenstein Daniel, Edouard Manet. Catalogue raisonné, Parigi, 1976.
  • Anonyme, Manet : 1832-1883 [cat. mostra], Parigi, 1983.
  • Compin Isabelle - Roquebert Anne, Catalogue sommaire illustré des peintures du Musée du Louvre et du Musée d'Orsay, Parigi, 1986.
  • Compin Isabelle - Lacambre Geneviève [coordinamento] - Roquebert Anne, Musée d'Orsay. Catalogue sommaire illustré des peintures, Parigi, 1990.
  • Husslein-Arco Agnes, Wien-Paris. Van Gogh, Cézanne und Österreichs Moderne 1880-1960, [cat. mostra], Vienna, 2007.