Il doge Francesco Foscari destituito con decreto del Senato Veneto

Francesco Hayez, Il doge Francesco Foscari destituito con decreto del Senato Veneto; o sia l'ultimo tratto della vendetta dell'inquisitore Loredano contro quel principe della Veneta Repubblica
Francesco Hayez, Il doge Francesco Foscari destituito [dettaglio]
Autore: 
Hayez, Francesco (1791-1882)
Titolo: 
Il doge Francesco Foscari destituito con decreto del Senato Veneto; o sia l'ultimo tratto della vendetta dell'inquisitore Loredano contro quel principe della Veneta Repubblica
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1844)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza per larghezza in centimetri): 
230 x 305
Luogo di conservazione: 
Pinacoteca di Brera, Milano, Italia
Inventario n.: 
6362 | 03 00180593 (Catalogo Generale Beni Culturali)

Note:

Tra le opere capitali di Hayez e capolavoro della pittura storica ottocentesca, il dipinto precede di pochi mesi la prima al Teatro Argentina di Roma, dei Due Foscari di Giuseppe Verdi. Nel dipinto prevale un effetto di grandiosità scenica, ottenuto dilatando il numero dei personaggi, contrapposti nei due gruppi degli oppressi e degli oppressori (Loredano e i suoi fedeli, a destra), spostando così il dramma da una dimensione eroica individuale ad un piano di trascinante tragedia corale. La sconfitta del doge e del suo modo di intendere più umanamente il potere, viene resa ancora più commovente dalla partecipazione diretta dall'artista, che ritrae se stesso nei panni del protagonista. La genesi del dipinto è documentata dai disegni a matita per la figura del doge e per l'insieme (Milano, Accademia di Brera). Il soggetto è tratto dall'omonimo dramma di Lord Byron.

(fonte: Catalogo Generale Beni Culturali)