I gatti

Manet, I gatti.jpg
Autore: 
Manet, Édouard (1832-1883)
Titolo: 
I gatti
Altri titoli: 
Les chats
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datata (1869)
Classificazione: 
Stampa
Tecnica e materiali: 
Acquaforte ed acquatinta su carta vergata azzurra, stato unico
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
16,5 x 20,7 (composizione)
7,7 x 22 (lastra)
23,8 x 36,8 (foglio)
Luogo di conservazione: 
Institut national d'histoire de l'art (INHA), Paris, France
Acquisizione: 
Collezione Jacques Doucet, acquistato da Jacques Doucet il 14 maggio 1907 da A. Strölin

Commento:

Manet riunì tre studi a lavis raffiguranti dei gatti per comporre una tavola destinata, forse, al libro di Champfleury, Les chats - Histoire, Mœurs, Observations, Anecdotes, illustrato da 52 disegni di differenti artisti. Questi bozzetti presi dal vivo esprimono con umorismo l'affettuosa complicità che univa il disegnatore ai propri modelli. Essi testimoniano anche l'influenza dello stile semplice e vivo di Hokusai o di Hiroshige. Champfleury, campione di realismo, preferì invece un'altra composizione di Manet con un gatto e dei fiori e la matrice di rame rimase inedita fino al 1890.
La stampa faceva parte, tavola n. 28, dell'album Éd. Manet. Trente eaux-fortes, edito da A. Strölin il 1905.

(fonte: Institut national d'histoire de l'art (INHA), Parigi, France)

Bibliografia:

  • Étienne Moreau-Nèlaton, Manet graveur et lithographe. Paris, 1906, n. 43.
  • Marcel Guérin, L’Œuvre gravé de Manet. Paris, 1944, n. 52.
  • Jean C. Harris, Édouard Manet Graphic Works. A definitive Catalogue Raisonné. New York, 1970, n. 64.