I fidanzati

Lega, I fidanzati [1869].jpg
Autore: 
Lega, Silvestro (1826-1895)
Titolo: 
I fidanzati
Altri titoli: 
I promessi sposi
Gli sposini
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
1869
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
35,5 x 79,5
Annotazioni: 
Firma e data a pennello in basso a destra: S. Lega 69
Luogo di conservazione: 
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano, Italia
Acquisizione: 
Guido Rossi, 1957
Identificativo: 
1778

Provenienza:

  • Collezione Cristiano Banti.
  • Collezione Leon Marcello Banti.
  • Collezione Enrico Checcucci, 1913.
  • Collezione Guido Rossi, 1913 post - 1957.

Mostre:

  • Esposizione Solenne della Società d'Incoraggiamento delle Belle Arti di Firenze. Firenze, Società d'Incoraggiamento delle Belle Arti, 1869.
  • Esposizione retrospettiva. Firenze, Società di Belle Arti, 1910, sala VII, n. 647.
  • Exhibition of italian art. Londra, Royal Academy, gennaio - marzo 1930, n. 885.
  • Pittura italiana dell'Ottocento. New York, Galleria Wildenstein - Metropolitan Museum, gennaio-marzo 1949, n. 84.
  • La donna nell'arte da Hayez a Modigliani. Milano, Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, aprile - giugno 1953, sala X, n. 178.
  • I Macchiaioli. Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, maggio - giugno 1956, n. 156.
  • Italienische Malerei des 19.Jahrhunderts. Colonia, Wallraf-Richartz Museum, 7 aprile - 18 giugno 1962, n. 34.
  • Silvestro Lega ( 1826-1895). Bologna, Museo Civico, 14 giugno - 26 agosto 1973.
  • Toskanische Impressionen. Der Beitrag der Macchiaioli zum europaischen Realism. Monaco di Baviera, Haus der Kunst, 18 ottobre 1975 - 4 gennaio 1976.
  • I Macchiaioli. Firenze, Forte del Belvedere, 23 maggio - 22 luglio 1976, n. 163.
  • I Macchiaioli. Parigi, Galeries Nationales du Grand Palais, ototbre 1978 - gennaio 1979, n. 95.
  • I Macchiaioli. Pittori toscani del secondo Ottocento. Lugano, Villa Ciani, 17 marzo - 17 giugno 1979, n. 96.
  • Silvestro Lega: 1826-1895. Lione, Musée des beaux arts, ottobre 1981, n. 8.
  • Cristiano Banti, un Macchiaiolo del suo tempo. Milano, Museo di Milano, 17 guigno - 18 luglio 1982, n. 12.
  • The Macchiaioli, painters of Italian Life 1850-1900. Cambridge, Harvard University Art Museums, 21 giugno - 6 agosto 1986 | Los Angeles, Wight Art Gallery, 25 febbraio - 20 aprile 1986, n. 119.
  • Ottocento: Romanticism and revolution in 19th-century Italian painting. Worcester, Worcester Art Museum, 16 gennaio - 28 febbraio 1993 | Pittsburg, Frick Art Museum, 13 marzo - 25 aprile 1993 | Baltimore, Walters Art Gallery, 14 novembre 1992 - 3 gennaio 1993, n. 66.
  • Silvestro Lega, 1826-1895: opere delle collezioni pubbliche e private nel centenario della nascita. Modigliana, ex Chiesa di San Rocco, 1995, n. 18.
  • Arte e moda. Tokyo, Station Gallery, 4 marzo 1998 - 17 maggio 1998 | Kyoto, Isetan Museum, 27 febbraio 1998 - 29 marzo 1998 | Himeji, Municipal Museum of Art, 25 maggio 1998 - 5 luglio 1998, n. C-1.
  • I Macchiaioli. Origine e affermazione della macchia.. Roma, Museo del Corso, 16 maggio 2000 - 24 settembre 2000, n. 75.
  • Ottocento Italiano. Da Lega a Wildt. Busto Arsizio, Fondazione Bandera, 18 novembre 2000 - 25 marzo 2001, senza catalogo.
  • L'epoca, gli artisti, la gente. Pellizza e il suo tempo nelle collezioni del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. Alessandria, Palazzo Guasco, 29 settembre - 25 novembre 2001.
  • I Macchiaioli. Padova, Palazzo Zabarella, 27 settembre 2003 - 8 febbraio 2004, 77.
  • I Macchiaioli. Il Sentimento del vero. Roma, Chiostro del Bramante, 11 ottobre 2007 - 24 febbraio 2008 | Torino, Palazzo Bricherasio, 15 febbraio 2007 - 10 giugno 2007.
  • Il Bacio. Dal Romanticismo al Novecento. Pavia, Castello Visconteo, 13 febbraio 2009 - 2 giugno 2009, n. 17.
  • La pittura italiana del XIX secolo. Dal Neoclassicismo al Simbolismo. Pavia, Castello Visconteo, 11 febbraio 2012 - 18 marzo 2012 | San Pietroburgo, Ermitage, 20 novembre 2011 - 22 gennaio 2012, n. 41.
  • I Macchiaioli. Una rivoluzione d’arte al Caffè Michelangelo, Pavia, Scuderie del Castello Visconteo, 19 settembre - 20 dicembre 2015.

Bibliografia specifica:

  • "Catalogo delle opere ammesse alla Esposizione solenne della Società d'Incoraggiamento delle Belle Arti nell'anno 1869", Firenze, 1869, p. 21.
  • "Esposizione retrospettiva, 1910: catalogo delle opere. Società delle belle arti in Firenze", Firenze, 1910, p. 137, ill.
  • Focardi R., "Esposizione retrospettiva della Società delle belle arti", Firenze, 1911, pp. 1, 25.
  • "Galleria Checchucci. Catalogo della vendita ad incanto", Firenze, 1913, n. 225, tav. 14.
  • Somaré E., "Silvestro Lega", Milano, 1926, tav. 38.
  • Somaré E., "Storia dei pittori italiani dell'Ottocento", Milano, 1928, tavv. II, 151.
  • Balniel D. / Clark K. / Modigliani E., "A commemorative catalogue of the exhibition of Italian art held in the galleries of the Royal Academy, Burlington house", Londra, 1931, vol I, p. 189.
  • Occhini B., Ottocento pittorico, in ""Frontespizio"", Firenze, 1940, p. 472.
  • Costantini V., Idillio e dramma di Silvestro Lega, in ""Illustrazione Italiana"", Milano, 1943, p. 720.
  • Bargellini P., "Caffè Michelangelo", Firenze, 1944, p. 282.
  • Cazzullo M. P., "La Scuola toscana dei Macchiaioli", Firenze, 1947, p. 136.
  • Poggi G./ Somaré E., "Exhibition of italian 19 century paintings", New York, 1949, p. 91 n. 84, tav. 94.
  • "La donna nell'arte da Hayez a Modigliani", Milano, 1953, p. 30.
  • Bucarelli P. / Caradente G., "I Macchiaioli", Roma, 1956, fig. 58.
  • Gatti Perer M. L., "Silvestro Lega", Monza, 1957, p. 61 n. 41.
  • "Italienische Malerei des 19.Jahrhunderts", Karlsruhe, 1962.
  • Ottino Della Chiesa A., "Dipinti nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica : Milano", Milano, 1962, pp. 7, 8, 70.
  • Durbé D., "Silvestro Lega (1826-1895)", Bologna, 1973, p. 40 n. 43.
  • Durbé D. / Matteucci G., "Toskanische Impressionen. Der Beitrag der Macchiaioli zum europaischen Realism", Monaco di Baviera, 1975, p. 166 n. 159.
  • Durbé D., "I Macchiaioli", Firenze, 1976, p. 202 n. 163.
  • Durbé D., "I Macchiaioli", Roma, 1978, vol. II, p. 218 n. 94, ill. p. 219.
  • Durbé D., "I Macchiaioli. Pittori toscani del secondo Ottocento", Roma, 1979, p. 72 n. 96.
  • "Silvestro Lega: 1826-1895", Roma, 1981, p. 46 n. 8.
  • Matteucci G., "Cristiano Banti, un Macchiaiolo del suo tempo", Firenze, 1982, p. 142 n. 12.
  • Dini P., "Silvestro Lega. Gli anni di Piagentina", Torino, 1984, p. 133 n. 63, tav. XVIII.
  • Durbé D. / Smith D. M. / Boime A., "The Macchiaioli, painters of Italian Life 1850-1900", Los Angeles, 1986, p. 137.
  • Caramel L., "I dipinti dell'800 nella Collezione Guido Rossi nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano", Busto Arsizio, 1986, n. 53, tav. XVIII.
  • Matteucci G., "Lega: l'opera completa", Firenze, 1987, vol. I pp. 194-195, vol. II p. 108.
  • Olson R., "Ottocento: romanticism and revolution in 19th-century Italian painting", Philadelphia, 1992, p .194 n. 66.
  • Matteucci G. / Sisi C., "Silvestro Lega, 1826-1895: opere delle collezioni pubbliche e private nel centenario della morte", Bologna, 1995, pp. 68-69 n. 18.
  • De Grada R. / Fiordimela C., "Ottocento Novecento. Le collezioni d'arte del Museo della Scienza e della Tecnica "Leonardo da Vinci" di Milano", Garbagnate Milanese, 2000, p. 82, fig. p. 83.
  • Marabottini A. / Quercioli V., "I Macchiaioli. Origine e affermazione della macchia 1856-1870", Roma, 2000, p. 112 n. 75.
  • De Grada R., "L'epoca, gli artisti, la gente : cent'anni di Quarto stato: Pellizza e il suo tempo nelle collezioni d'arte del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, della Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria e della Pinacoteca civica d", Garbagnate Milanese, 2001, p. 35.
  • Mazzocca F., "I Macchiaioli. Prima dell'impressionismo", Venezia, 2003, pp. 232-233 n. 77.
  • Matteucci G. / Mazzocca F., "Silvestro Lega, i Macchiaioli e il Quattrocento", Cinisello Balsamo, 2007, pp. 208-209.
  • Dini F., "I Macchiaioli: sentimento del vero", Cinisello Balsamo, 2007, p. 201 n. 61.
  • Maffioli M., "I Macchiaioli e la fotografia", Firenze, 2008, p. 167.
  • "Il bacio : tra Romanticismo e Novecento", Cinisello Balsamo, 2009, p. 79 n. 17.
  • "La pittura italiana del XIX secolo. Dal Neoclassicismo al Simbolismo", Milano, 2011, p. 209, ill. p. 112.

Bibliografia di confronto:

  • Lanfranconi M., Silvestro Lega, in "Dizionario biografico degli italiani", Roma, 2005, pp. 287-293.
  • Giorgione C., L'imprenditore collezionista. La collezione di Guido Rossi del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" di Milano, in "Terra e mare : paesaggi del sud da Giuseppe De Nittis a Giovanni Fattori", Milano, 2009, ill. p. 79.

Note storico critiche:

Il dipinto è giunto al Museo nel 1957 con il lascito di Guido Rossi, a cui si deve l'inserimento nella cornice realizzata nel laboratorio di Ettore Zaccari.
Fu esposto per la prima volta alla Società d'Incoraggiamento delle Belle Arti di Firenze nel 1869 col titolo I promessi sposi. Proprietà inizialmente di Cristiano Banti, amico di Lega e pittore a sua volta che possedeva anche La villetta Batelli, il dipinto fu acquistato da Guido Rossi certamente prima del 1930, quando è citato per la prima volta come parte della sua collezione, in occasione dell'invio alla mostra alla Royal Academy di Londra.
A partire dalla successiva mostra di New York dedicata nel 1949 alla pittura italiana del XIX secolo, l'opera ebbe una notevole fortuna espositiva, diventando uno dei dipinti più celebri della collezione Rossi, oltre che emblema dell'opera matura di Lega: la scena dei due fidanzati a braccetto nel paesaggio crepuscolare, seguiti discretamente da una donna e da due bambine, sembra chiudere la stagione di Piagentina e annunciare la crisi della poetica macchiaiola, e della pittura di Lega in particolare, che si manifesterà evidente negli anni post-unitari. Il tono mesto della scena traduce un periodo di inquietudini personali del pittore: la compagna Virginia Batelli era malata di tisi -morirà l'anno successivo- e nel 1867 era morta la sorella Maria Delfina.
Nei due protagonisti dai volti accuratamente nascosti sono stati identificati Isolina Cecchini e Giuseppe Sacchetti, al cui matrimonio, celebrato il 15 gennaio 1870, Lega sarà presente (cfr. L. Lombardi, in I Macchiaioli 2003, p. 232). La parte sinistra della composizione con i due fidanzati fu resa autonoma da Lega in una tavola dipinta poco dopo con alcune varianti, specie nel paesaggio, oggi in collezione privata (cfr. lombardi, in I Macchiaioli 2003, p. 232).

(fonte: Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci)