Giovani uomini in riva al mare [1943]

Max Beckmann, Giovani uomini in riva al mare | Junge Männer am Meer | Young men by the sea [1943]
Autore: 
Beckmann, Max (1884-1950)
Titolo: 
Giovani uomini in riva al mare [1943]
Altri titoli: 
Junge Männer am Meer
Young men by the sea
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
1943
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
191,5 x 100,3
Annotazioni: 
Firma e data in basso a destra: Beckmann / A • 43
Luogo di conservazione: 
Saint Louis Art Museum, Saint Louis, Missouri, USA
Acquisizione: 
Acquistato dalla Buchholz Gallery, 13 marzo 1946
Identificativo: 
106:1946

Provenienza:

  • Max Beckmann (1884-1950), Amsterdam, The Netherlands.[1]
  • Buchholz Gallery (Curt Valentin), New York, NY, USA, acquistato dall'artista, - 1946.

[1] Max Beckmann teneva elenchi della maggior parte dei suoi dipinti che spesso includevano le date in cui venivano lavorati. Questo dipinto appare sulla lista di Amsterdam di Beckmann con una nota che dice che ha completato il dipinto il 12 dicembre 1942. [Erhard e Barbara Göpel: Max Beckmann: Katalog der Gemälde, Bern: Kornfeld & Cie., 1976, n. di catalogo 629].

Note:
Quattro uomini si radunano in riva al mare su una piccola striscia di sabbia. I loro corpi statuari e i loro indumenti decorati evocano figure dell'antichità. L'ambientazione sulla spiaggia, il flauto suonato da uno degli uomini e quello che probabilmente è un boccale di vino nelle mani di un altro, suggeriscono baldoria rituale. Ogni senso di allegria è però smorzato dai toni cupi del dipinto e dal rigido raggruppamento dei corpi degli uomini all'interno dello stretto spazio della tela. Le braccia strettamente incrociate della figura centrale sottolineano l'isolamento nonostante l'improbabile vicinanza di tutti e quattro gli uomini. Nel 1947, appena due mesi prima di emigrare definitivamente negli Stati Uniti, Beckmann ricevette una poesia anonima sul dipinto da un mittente di Saint Louis. L'artista si stupì della giustezza dell'interpretazione in cui la figura centrale, descritta come mistica, parla, dicendo: "Il mare e la riva e il cielo e noi, non saremo mai legati, né mai liberati".


Four men gather at the seashore on a small strip of sand. Their statuesque bodies and ornamented wraps evoke figures from antiquity. The beach setting, the flute played by one of the men and what is likely a flagon of wine in the hands of another, suggest ritualistic revelry. Any sense of gaiety is dampened, however, by the painting's somber tones and the rigid clustering of the men's bodies within the narrow space of the canvas. The tightly crossed arms of the central figure underscore the isolation despite the improbable proximity of all four men. In 1947, just two months before he emigrated permanently to the United States, Beckmann received an anonymous poem about the painting from a sender in Saint Louis. The artist expressed surprise at the rightness of the interpretation in which the central figure, described as a mystic, speaks, saying, "The sea and the shore and the sky and we, shall never be bound, nor ever set free."

(fonte: Saint Louis Art Museum)