Donna in nero

Renoir, Donna in nero.jpg
Renoir, Donna in nero [dettaglio].png
Autore: 
Renoir, Pierre-Auguste (1841-1919)
Titolo: 
Donna in nero
Altri titoli: 
Femme en noir
Woman in black
Дама в черном
Periodo: 
XIX secolo
Datazione: 
non datato (1876 circa)
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza per larghezza in centimetri): 
65,5 x 55,5
Annotazioni: 
Firma a mezza altezza a destra: A. Renoir.
Luogo di conservazione: 
Museo di Stato Ermitage, San Pietroburgo, Russia
Acquisizione: 
Proveniente dal Museo d'Arte Moderna Occidentale (inv. n. 195), 1930
Inventario n.: 
ГЭ-6506

Provenienza:

  • Collezione S. I. Sciukin.

Commento:

Questa lirica immagine di una tipica "donna di Renoir" è l'incarnazione di armonia naturale e femminilità. Dipinta al culmine del movimento impressionista, l'opera dimostra una padronanza delle complesse sfumature di colore, vista al meglio nel trattamento del vestito nero. L'abito rivela una moltitudine di diverse tonalità di grigio e grigio-blu così come viene colto alla luce, essendo il vero nero usato per le ombre più scure. C'è un simile sapiente uso dei riflessi di colore nei polsini bianchi e nel colletto. Il volto è dipinto meno ampiamente e in modo più dettagliato. Questa tecnica, caratteristica dei ritratti di Renoir, si combina con una libera, vibrante pennellata. Si è ipotizzato che il soggetto sia la signora Hartmann, moglie del famoso editore musicale, anche se è possibile che sia invece Anna, una delle modelle di Renoir.

[This lyrical image of a typical "Renoir woman" is the embodiment of natural harmony and femininity. Painted at the height of the Impressionist movement, the work demonstrates a mastery of complex nuances of colour, best seen in the treatment of the black dress. The dress reveals a multitude of different shades of grey and greyish-blue as it is caught by the light, the only use of true black being in the darkest of shadows. There is a similarly skilful use of colour reflections in the white cuffs and collar. The face is painted less broadly and in more detail. This device, characteristic of Renoir's portraits, is combined with a free, vibrant brushstrokes. It has been suggested that the sitter is Mme Hartmann, wife of the famous music publisher, although it is also possible that she is Anne, one of Renoir's models.]

(fonte: Museo di Stato Ermitage, San Pietroburgo)