Autoritratto [1917]

Max Beckmann, Autoritratto | Selbstbildnis | Self portrait [1917]
Autore: 
Beckmann, Max (1884-1950)
Titolo: 
Autoritratto [1917]
Altri titoli: 
Selbstbildnis
Self portrait
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
1917
Classificazione: 
Disegno
Tecnica e materiali: 
Penna e inchiostro di china su carta vergata color crema
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
38,7 x 31,6
Annotazioni: 
Firma, iscrizione e data in alto a destra
Luogo di conservazione: 
Art Institute of Chicago, Illinois, USA
Acquisizione: 
Dono di Mr. e Mrs. Allan Frumkin, 1975
Identificativo: 
1975.1127

Provenienza:

  • Allan Frumkin, New York e Chicago, acquistato da J. B. Neumann negli anni 1950.

Mostre:

  • Kunsthalle Bielefeld, Max Beckmann: Aquarelle und Zeichnungen 1903 bis 1950, 16 ottobre - 11 dicembre 1977, numero di catalogo 71; mostra allestita successivamente alla Kunsthalle Tübingen, 7 gennaio - 26 febbraio 1978, ed alla Städtische Galerie im Städelschen Kunstinstitut, Frankfurt am Main, 18 marzo - 21 maggio 1978.
  • Städtische Galerie im Städelschen Kunstinstitut, Frankfurt am Main, Max Beckmann Frankfurt 1915-1933, 19 novembre 1983 - 12 febbraio 1984, numero di catalogo 107.
  • Haus der Kunst, München, Max Beckmann Retrospective, 1984, numero di catalogo 151, catalogo di Carla Schulz-Hoffmann, Judith C. Weiss, et. al.; mostra allestita successivamente alla Nationalgaleire, Berlin, al St. Louis Art Museum ed al Los Angeles County Museum of Art.
  • The Art Institute of Chicago, Great Drawings from The Art Institute of Chicago: The Harold Joachim Years 1958-1983, 24 luglio - 30 settembre 1985, pp. 188-189, numero di catalogo 87 (illustrato), catalogo di Martha Tedeschi; mostra allestita successivamente al St. Louis Art Museum, 10 marzo - 16 maggio 1986.
  • The Art Institute of Chicago, Reflections of Weimer Germany: Portfolios by Max Beckmann and Lovis Corinth, 18 luglio - 31 ottobre 1992.
  • Musée National d’Art Moderne, Centre Pompidou, Paris, Rétrospective Max Beckmann; mostra allestita successivamente a New York, the Museum of Modern Art, 25 giugno - 30 settembre 2003.

Bibliografia:

  • Stephan von Weise, Max Beckmann’s zeichnerisches Werk 1903-1925 (Dusseldorf, 1978), pp. 110, 121 e 211, n. 368.
  • Fritz Erpel, Max Beckmann: Leben im Werk, Die Selbstbildnisse (Berlin, 1985), n. 60 (illustrato).
  • Peter Selz, Max Beckmann (New York, 1992), p. 26 and 116 (illustrato).
  • Sandy Brooke, Hooked on Drawing (Englewood Cliffs, NJ, 1996), p. 258 (illustrato).
  • Sandy Brooke, Drawings as Expression, Concepts and Techniques (2001).
  • Allan Frumkin, Masterpieces (2002).
  • Knut Soiné, ‘Christ Beckmann? On Max Beckmanns “Self-Portrait with the Red Scarf”, 1917’, Jahrbuch der staatlichen Kunstsalunen Baden-Württemberg (2002).

Commento:

L'autoritratto del 1917 di Beckmann riflette la sua disperazione durante gli ultimi anni di guerra. Secondo l'iscrizione che ha aggiunto nell'angolo in alto a destra, questa immagine meditabonda è stata disegnata alle quattro del mattino. Gli occhi infossati e senza espressione dell'artista sono stranamente silenziosi e contemplativi rispetto alla sua vibrante manipolazione del mezzo.


Beckmann’s 1917 self-portrait reflects his despair during the later war years. According to the inscription he added in the upper-right corner, this brooding image was drawn at four o’clock in the morning. The artist’s deep-set, blankly staring eyes are strangely quiet and contemplative compared to his quivering handling of the medium.

(fonte: Art Institute of Chicago)