Acrobata sul trapezio

Max Beckmann, Acrobata sul trapezio | Akrobat auf der Schaukel | Acrobat on the trapeze
Autore: 
Beckmann, Max (1884-1950)
Titolo: 
Acrobata sul trapezio
Altri titoli: 
Akrobat auf der Schaukel
Acrobat on the trapeze
Periodo: 
XX secolo
Datazione: 
1940
Classificazione: 
Dipinto
Tecnica e materiali: 
Olio su tela
Dimensioni (altezza x larghezza in centimetri): 
145,7 x 91,1
Annotazioni: 
Firma e data in basso a destra: Beckmann / A 40
Luogo di conservazione: 
Saint Louis Art Museum, Saint Louis, Missouri, USA
Acquisizione: 
Lascito di Morton D. May, 1983
Identificativo: 
852:1983

Provenienza:

  • Max Beckmann (1884-1950), Amsterdam, The Netherlands.
  • Buchholz Gallery (Curt Valentin), New York, NY, USA, acquistato dall'artista, ? - 1946.
  • Frederick A. P. Zimmermann (1906-1967), New York, NY, acquistato da Curt Valentin, 1946 - 1956.
  • Morton D. May (1914-1983), St. Louis, MO, acquistato da Frederick A. P. Zimmermann, 1956 - 1983.

Note:

I diari di Beckmann da Amsterdam raccontano le sue numerose visite ai cabaret, ai teatri e al circo. In questo dipinto, un acrobata sulle altezze elevate di un tendone da circo è raffigurato da un punto di vista improbabilmente ravvicinato. L'acrobata si accovaccia su un trapezio e sembra aspettare il momento giusto per tentare il suo successivo numero. Dietro la robusta figura, che quasi riempie la tela, un secondo trapezista appare in alto a destra, mentre un pubblico, suggerito da una pennellata tratteggiata, riempie la fascia centrale del quadro. L'uso da parte di Beckmann di audaci contorni neri e piani saturi di giallo canarino e turchese lussureggiante intensificano l'energia della scena. Per Beckmann, la coraggiosa performance dell'acrobata ha evocato le sfide affrontate da ogni umano: "Siamo tutti funamboli", ha detto. "Abbiamo il desiderio di raggiungere l'equilibrio e di mantenerlo".


Beckmann's diaries from Amsterdam recount his numerous visits to cabarets, theaters, and the circus. In this painting, an acrobat in the lofty heights of a circus tent is shown from an improbably close viewpoint. The acrobat crouches on a trapeze and seems to be waiting for the right moment to propel himself back for his next routine. Behind the sturdy figure, which nearly fills the canvas, a second trapeze artist appears in the upper right corner while an audience, suggested by dotted brushwork, fills the middle band of the painting. Beckmann's use of bold black outlines and saturated planes of canary yellow and lush turquoise heighten the scene's energy. To Beckmann, the acrobat's courageous performance evoked the challenges met by every human: "We are all tightrope walkers," he said. "We have the desire to achieve balance and to keep it."

(fonte: Saint Louis Art Museum)